Attualità

Tim: al via il progetto ‘smart district’ per la digitalizzazione dei distretti industriali della Toscana

L’iniziativa si rivolge alle realtà produttive di Arezzo, Bibbiena, Borgo San Lorenzo, Castelfiorentino, Empoli, Firenzuola, Lucca, Montecatini-Terme, Piancastagnaio, Pistoia, Poggibonsi, Prato, San Miniato, Sansepolcro e Sinalunga

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

Accelerare la trasformazione digitale dei distretti industriali della Toscana e promuoverne la competività attraverso l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative. Con questo obiettivo Tim lancia ‘Smart District’, il progetto appositamente pensato per incrementare la digitalizzazione del tessuto economico e industriale del Paese. L’iniziativa, in particolare, si rivolge alle imprese delle realtà produttive di Arezzo, Bibbiena, Borgo San Lorenzo, Castelfiorentino, Empoli, Firenzuola, Lucca, Montecatini-Terme, Piancastagnaio, Pistoia, Poggibonsi, Prato, San Miniato, Sansepolcro e Sinalunga, che si sviluppano su un bacino complessivo di oltre 90 comuni toscani. Le quindici realtà produttive toscane fanno parte degli oltre 140 distretti industriali coinvolti dal progetto a livello nazionale. Oltre alle infrastrutture di rete – dalla fibra al 5G, dal Fixed Wireless Access (FWA) alla connettività satellitare – il Gruppo TIM, in linea con il piano strategico 2021-2023 ‘Beyond Connectivity’, mette a disposizione delle aziende dei distretti toscani i migliori servizi di ultima generazione, indispensabili per promuoverne la competitività, avvalendosi delle competenze specializzate di Noovle per le soluzioni Cloud e di edge computing, Olivetti per l’Internet of Things, Telsy per la Cybersecurity e Sparkle per i servizi internazionali. TIM punta così a far leva sulle proprie fabbriche di prodotto per coinvolgere direttamente l’intero ecosistema imprenditoriale dei distretti che, oltre alle aziende, comprende anche le Pubbliche amministrazioni e le Istituzioni locali. Cuore pulsante dell’economia italiana, gli oltre 140 distretti industriali censiti dall’Istat coprono più di 2.100 comuni italiani e rappresentano il 25% del sistema produttivo nazionale e il 65% della produzione manifatturiera. Obiettivo del progetto è quello di raggiungere tutte le aree industriali del Paese affinché possano avvantaggiarsi di tutte le soluzioni tecnologiche più innovative: dall’automazione alla manutenzione da remoto dei propri macchinari, dalle soluzioni cloud alle tecnologie per la sicurezza con soluzioni di videosorveglianza, dalla gestione della logistica alle flotte aziendali. Saranno abilitate inoltre soluzioni di smart working, di gestione intelligente dei dati e l’adozione dell’intelligenza artificiale nei processi aziendali. “La ripartenza del Paese è legata in maniera indissolubile allo sviluppo del digitale, soprattutto nel settore dell’industria – dichiara Renato Santucci, Responsabile Sales Consumer and Small & Medium Centro di TIM –. Con il progetto ‘Smart District’ vogliamo rispondere concretamente ai bisogni e alle esigenze delle aziende mettendo a loro disposizione le più moderne tecnologie. Vogliamo accompagnare le eccellenze produttive della Toscana nel loro percorso di trasformazione digitale e di crescita economica, confermandoci come motore dell’innovazione sul territorio”. Con questa iniziativa, TIM si conferma partner tecnologico di riferimento per favorire lo sviluppo del sistema socio-economico nazionale, in una logica di sostenibilità e resilienza, coinvolgendo aziende, pubbliche amministrazioni, lavoratori e cittadini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tim: al via il progetto ‘smart district’ per la digitalizzazione dei distretti industriali della Toscana

ArezzoNotizie è in caricamento