Terranuova, installati giochi inclusivi nel giardino della scuola dell’infanzia

“Dobbiamo garantire il diritto dei bambini diversamente abili di giocare coi loro coetanei”. Con queste parole il Sindaco di Terranuova, Sergio Chienni, ha sintetizzato il motivo che sta alla base dell’installazione - appena conclusa – di giochi...

Chienni_sergio

“Dobbiamo garantire il diritto dei bambini diversamente abili di giocare coi loro coetanei”. Con queste parole il Sindaco di Terranuova, Sergio Chienni, ha sintetizzato il motivo che sta alla base dell’installazione - appena conclusa – di giochi inclusivi nel giardino della scuola dell’infanzia Italo Calvino. “Adesso – ha aggiunto – tutti i 244 bambini della scuola, inclusi quelli con ridotte capacità motorie, potranno giocare insieme, senza barriere fisiche e architettoniche”. In particolare è stato collocato un percorso pavimentato con gomma anti trauma colorata ed è stata predisposta un’area con un’attrezzatura ludica inclusiva, permettendo così anche ai bambini diversamente abili di accedere in autonomia. “Con questi interventi – dice il Sindaco di Terranuova, Sergio Chienni – abbiamo reso completamente fruibili i giochi della scuola e l’area all’aperto. Per l’amministrazione si è trattato un investimento relativamente piccolo di circa 15 mila euro, ma che ha avuto il grande risultato di unire nelle attività ludiche tutti i bambini della scuola. Stiamo predisponendo già altri lavori nel giardino della scuola al fine di inserire ulteriori giochi, ampliando così il novero delle attività inclusive”. “Il nostro impegno – aggiunge il Sindaco – è quello di approntare un piano complessivo di abbattimento delle barriere architettoniche, da realizzare gradualmente, per installare giochi inclusivi sia all’interno del parco pubblico attrezzato Tiziano Terzani, sia nelle aree gioco presenti sul territorio comunale”. Prima degli interventi, il giardino – collocato sul lato interno del plesso scolastico – non era pienamente fruibile perché la pavimentazione ed i percorsi erano realizzati in ghiaia e i giochi presenti non tenevano conto dei bambini diversamente abili. “La nostra volontà – conclude il Sindaco – è quella di realizzare una rete diffusa di aree ludiche dove i bambini possono interagire fra loro e avere la possibilità di giocare tutti insieme e soprattutto con gli stessi giochi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento