126 verbali per rifiuti abbandonati e ora il telecontrollo. Interventi di raccolta più rapidi

Il sistema è stato messo a punto con la collaborazione del laboratorio di visione artificiale del Dipartimento di ingegneria dell’informazione e scienze matematiche dell’Università di Siena

126 verbali per un totale di 23mila euro. Questo il bilancio delle sanzioni per i rifiuti abbandonati nel territorio del Comune di Arezzo nei primi cinque mesi del 2019. Operazioni portate avanti grazie alle foto-trappole e agli ispettori ambientali.

Adesso a dare man forte per il rispetto dell'ambiente e del decoro urbano arriva anche il sistema messo a punto dalla collaborazione tra il Comune di Arzzo e l'Università di Siena: il telecontrollo delle aree destinate al conferimento dei rifiuti. Lo scopo è quello di fornire segnalazioni tempestive sulle situaizoni di degrado dovute agli abbandoni.

Lo schema di convenzione è già stato approvato dalla giunta e attende il via libera del consiglio di dipartimento.

L’abbandono di rifiuti – ha sottolineato l'assessore all'ambiente Marco Sacchetti – è sempre fonte di degrado, per l’ambiente e per le città, specie quelle, come Arezzo, che ambiscono a diventare centri a vocazione turistica. È un comportamento illecito che comporta inoltre un aumento dei costi per la gestione dell’igiene urbana che i Comuni, e di conseguenza i cittadini, devono sostenere. L’abbandono, oltre a essere un fenomeno esteticamente deplorevole, produce un effetto a catena, nel senso che i luoghi in cui i rifiuti vengono lasciati sono percepiti come zone di abbandono e rischiano di trasformarsi in vere e proprie discariche abusive a cielo aperto. Con l’Università di Siena abbiamo così sviluppato una sinergia per mettere a punto un sistema diffuso, al momento sperimentale, in grado di contrastare il fenomeno."

“Il sistema – ha precisato Alessandro Mecocci direttore del Laboratorio di visione artificiale del Dipartimento di ingegneria dell’informazione e scienze matematiche dell’Università di Siena.– è capace di rilevare e localizzare la presenza di rifiuti in prossimità di cassonetti e di aree di raccolta, dalle scatole ai sacchetti alle cartacce. Prevede che l’analisi venga elaborata a partire da sequenze video real-time ottenute da sensori opportunamente dislocati e mimetizzati in prossimità delle aree da monitorare e dotate di adeguato livello di illuminazione. Una volta rilevata la presenza dei rifiuti suddetti, giacenti per terra oppure debordanti dai cassonetti, il sistema provvederà a inviare ad alcuni centri di raccolta le informazioni ritenute opportune a consentire il tempestivo intervento di ripristino dello stato di decoro e a ridurre il senso di degrado e il danno di immagine. Il tutto nel rispetto della privacy: il sistema non invia immagini di persone”.

Questa prima sperimentazione sarà effettuata in contesti reali e nelle condizioni meteorologiche usualmente riscontrabili nelle aree da monitorare. L'intento è mettere il sistema a regime e con il progressivo accumulo di dati potranno essere ottenuti quadri significativi dei comportamenti illeciti, della loro eventuale stagionalità, delle aree maggiormente soggette, fino a una mappa territoriale dell’abbandono dei rifiuti sulla quale basarsi per rendere ancora più efficaci le azioni di controllo e repressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Covid: 78 nuovi casi nell'Aretino. Un 29enne ricoverato in ospedale

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Ciclista trovato riverso sulla strada, l'appello della famiglia: "Se qualcuno ha visto, contatti la Municipale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento