rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Attualità Centro Storico / Piazzale della Repubblica

Taxi tra caro carburante e nuove tariffe. Gli autisti: "Primo ritocco in 13 anni. Una corsa costa 30 centesimi in più"

La giunta comunale aretina ha approvato l'aggiornamento delle tariffe per il servizio. I tassisti: "Vicini ai bisogni della gente, no ad aumenti vertiginosi"

30 centesimi in più per ogni chilometro urbano e 10 per quelli extra urbani. Sono questi gli aumenti, per i quali è arrivato l’ok da parte dell’amministrazione comunale aretina, riguardanti il servizio offerto dalla cooperativa Taxi Arezzo. Delle maggiorazioni che, come spiegano i tassisti cittadini “cercano di andare incontro alle necessità della nostra clientela offrendo un servizio utile a costi ragionevoli”.

Ma quanto costa muoversi in taxi ad Arezzo? La corsa minima è di 7 euro e, con tale cifra, l’utente può raggiungere ogni zona della città fino alla periferia. “Usare il taxi - spiega Pietro Fazzuoli, tassista aretino - non deve essere un sacrificio. Pensiamo ad anziani che hanno bisogno di muoversi accompagnati oppure ai ragazzi che la sera vogliono andare in discoteca senza avere il pensiero di mettersi alla guida. Noi ci siamo e, ad esempio, se per raggiungere i locali notturni fuori città il costo della corsa è di circa 25 euro va ricordato che la cifra può essere divisa tra gli utenti quindi, con pochi euro i più giovani possono divertirsi e rientrare a casa in tutta sicurezza. In questi ultimi mesi purtroppo, a causa degli aumenti dei carburanti abbiamo dovuto rivedere le nostre tariffe che, dal 2009 fino a pochi mesi fa erano rimaste invariate. Abbiamo dato uno sguardo ai costi del servizio in altre città e abbiamo cercato di proporre degli aumenti minimi in modo da non impattare sulle tasche dei nostri clienti".

Tutte le tariffe

Schermata 2022-06-10 alle 12.29.53

“Un taxi per tutti”: convenzione tra Comune e Unione Italiana Ciechi

Rinnovata la convenzione tra Comune di Arezzo e Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti per il progetto “Un taxi per tutti” per la durata di un anno dalla data di stipula dell'accordo. Il progetto prevede l'erogazione di un contributo di 3mila euro corrispondenti all'emissione di 600 tagliandi corsa per l'uso di taxi a tariffa agevolata  da parte di utenti che vivono ad Arezzo e che si  trovano in condizioni di minorazione della vista. Un progetto con il quale l'amministrazione intende integrare i servizi urbani per migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini, al fine di evitare situazioni di emarginazione agevolandone l'autonomia.

“Riprendiamo un'iniziativa che consente di migliorare la mobilità e pertanto la qualità della vita e l'autonomia delle persone con menomazione visiva, mettendo loro a disposizione un servizio integrativo rispetto a quello pubblico per lo spostamento più comodo verso i luoghi di studio, lavoro, ricreativi della città, in un'ottica inclusiva - commenta la vicesindaca Lucia Tanti -. Si confermano una priorità le politiche per la disabilità che ricoprono un ruolo centrale nell'erogazione dei servizi e delle opportunità. Muoversi in autonomia è un elemento di libertà e chi ha problemi visivi ha la necessità di utilizzare mezzi, come i taxi, che possano andare incontro alle loro esigenze”.

Taxi rosa: cosa è e chi può attivarlo

Tra i servizi offerti dai tassisti aretini c’è anche quello del taxi rosa. Le donne che viaggiano da sole nella cerchia urbana, su chiamata, possono richiedere tale servizio al costo di 9,50 euro (dalle 20 alle 5:30) mentre la corsa extra urbana sarà a tassametro. Il tassista aspetterà che la donna sia rientrata in casa prima di ripartire. Servizio valido solo su chiamata: “Vorrei un taxi rosa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taxi tra caro carburante e nuove tariffe. Gli autisti: "Primo ritocco in 13 anni. Una corsa costa 30 centesimi in più"

ArezzoNotizie è in caricamento