Tanti: "I centri di aggregazione sociale capifila per una città no-slot"

“Per i centri di aggregazione sociale sono stati otto mesi particolarmente significativi". Così l'assessore Lucia Tanti introduce l'attuale situazione dei centri di aggregazione, luoghi dove socializzare che possono diventare anche luoghi dove...

lucia-tanti

“Per i centri di aggregazione sociale sono stati otto mesi particolarmente significativi". Così l'assessore Lucia Tanti introduce l'attuale situazione dei centri di aggregazione, luoghi dove socializzare che possono diventare anche luoghi dove combattere il gioco d'azzardo, nello specifico la febbre da slot machine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
"Il regolamento approvato dal Consiglio Comunale nel dicembre scorso ha dato una disciplina organica e un quadro di riferimento certo e coerente che definisce le modalità di rapporto con l’amministrazione comunale. A seguire, è nato il coordinamento, il luogo deputato a realizzare gli obiettivi di cooperazione tra centri sociali e amministrazione comunale per il raggiungimento delle loro finalità sociali, solidaristiche, educative e culturali. E ancora: la ricognizione dello stato degli immobili in collaborazione stretta con l’assessore Tiziana Nisini. Tutti atti di questa amministrazione per rendere i centri un capitale per il territorio e un presidio aperto a tutti. D’altronde, un centro è realmente ‘sociale’ se aggrega in maniera condivisa.

Ma c’è un altro aspetto ‘sociale’ che mi preme rimarcare ed è per questo che ho scritto una lettera aperta a tutti i Cas. Il mio obiettivo è, infatti, non solo renderli no-slot ma anche luoghi che sensibilizzino i cittadini a una battaglia contro le fatidiche macchinette mangia-soldi. Fare dei centri di aggregazione luoghi liberi da questo genere di pericolosi ‘passatempi’ significa valorizzarne il ruolo di soggetti attivi di comportamenti etici e miranti alla coesione. I Cas sono già un esempio, rafforziamolo con scelte concrete e coerenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento