menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli street artists invadono la provincia di Arezzo: da Exit Enter a Zed, passando per Bosoletti e Kiki Skipi

Negli ultimi mesi alcuni tra gli artisti più conosciuti e emergenti della street art hanno contribuito alla realizzazione di numerose opere nell'Aretino

L'arte di strada ha invaso il territorio aretino: da Civitella a Sansepolcro, passando per Capolona, Badia al Pino, Tegoleto e Pieve al Toppo. Numerosi artisti hanno contribuito a rivitalizzare bacheche informative in disuso, abbellire facciate di alcuni plessi scolastici e di cantieri edili e altri spazi che necessitavano di essere riqualificati. Una vera e propria mania quella della street art che sta coinvolgendo alcune amministrazioni comunali dell'Aretino per iniziare progetti a lungo termine.

Civitella in Valdichiana

La street art racconta gli episodi più significativi della storia di Civitella. Le Giostre del Toppo, Gnicche e l'eccidio sono le opere realizzate da Exit Enter in quattro bacheche informative ormai in disuso da tempo che si trovavano all'interno delle frazioni di Civitella, Pieve al Toppo, Badia al Pino e Tegoleto. Ultima in ordine cronologico l'opera di Kiki Skipi che ha trasformato una facciata della scuola Arcobaleno di Badia al Pino, già in programma per i primi giorni di gennaio un'altra realizzazione. Entrambi i progetti sono stati curati dall'aretino Matteo Bidini.

Capolona

Exit Enter e Francisco Bosoletti sono stati i protagonisti della prima edizione di "52010 Art Fest", il festival di arte di strada di Capolona. Anche quì due murales, uno in una facciata di un palazzo privato e l'altro nella scuola primaria "Garibaldi". Curatore delle opere e direttore artistico sempre Matteo Bidini.

Sansepolcro

A Sansepolcro sono diversi gli artisti che hanno contribuito a valorizzare e riqualificare alcune aree del paese. L'ultima opera in ordine cronologico è quella di AWZO, che ha relizzato un murales nella parete esterna della palestra Buonarroti. Prima di lui, Nicola Alessandrini, Lisa Gelli, Ivan Tresoldi e Chus nel sottopasso dell’E45 arrivando da Via Senese-Aretina, Ache 77 (omaggio all’Ercole di Piero della Francesca) tra via Pacioli e via XX settembre, Exit Enter (volta con cielo e paesaggio) in via dell’Arco, Cento e Deno (Robot con cuore) in via Giordano Bruno, dietro all’autostazione e Zed1 (Ciascuno ha il suo bersaglio) tra via Agio Torto e via dei Servi. Ad aprire l'arte in strada lo scorso luglio Ninjaz che ha lavorato nel cantiere edile di Sant’Agostino.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento