rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità Subbiano

Laura, la vita in pezzi contro un camion: "14 operazioni, ho imparato a usare il mio nuovo corpo. E sorrido"

Diciassette anni fa lo spaventoso l'incidente, poi la lunga riabilitazione: "Ho perso un occhio e mi trascino dietro ancora molti problemi. Ma sorrido. Mi dispiace essere giudicata per il mio aspetto. Ho scritto un libro per raccontare la mia nuova vita"

Si chiama Laura Capaccioli e ha 48 anni. Abita a Subbiano e di mestiere fa la traduttrice. Lavora in un'azienda aretina e ha all'attivo quattro libri, l'ultimo dei quali autobiografico. Ha deciso di mettere nero su bianco la sua vita, segnata dal gravissimo incidente in cui rimase coinvolta 16 anni e mezzo fa, in località Lo Spicchio, fra Castelluccio e Ponte Buriano. Il 30 agosto 2006, mentre era in auto, si scontrò con un camion.

Lo scontro col camion, l'occhio perso e 38 fratture

"Non ricordo nulla di quel che accadde. Mi ritrovai un giorno in un letto d'ospedale con un braccio e una caviglia fuori uso, un occhio perso e con gravi difficoltà con la memoria a breve termine. So che ero rimasta in coma 14 giorni, dopo aver perso 3,8 litri di sangue e aver rimediato 38 fratture", spiega oggi. Nel frattempo ha subito 14 operazioni e sostenuto una lunghissima riabilitazione. "Mi ci sono voluti due anni per riuscire a fare una doccia da sola. Dopo questo periodo così difficile ho trovato il coraggio di scrivere Gli occhi addosso". Il titolo del libro fa riferimento agli sguardi delle persone che si piantavano su di lei nei primi tempi dopo l'incidente. "Mi ha fatto male essere fissata con compassione", racconta.

"La mia vita è questa e voglio sorridere"

Scrivere è stato un modo per andare oltre la sofferenza, cercando di trasmettere un messaggio positivo, per dare speranza a tutti coloro che si trovano ad affrontare un periodo negativo. "Per quanto la mia vita possa essere difficile, per quanto mi possa aver messo con le spalle al muro, io voglio sorridere. Il mio sorriso non vuole essere ipocrita o di circostanza. La mia vita è questa, non la posso cambiare. Ma ci sono tanti motivi per cui continuare a essere felice". Una strada che Laura traccia con le parole e con i fatti. "Dopo quanto accaduto ho cercato di ricostruire la mia vita: ho riallacciato il filo con i miei interessi e con le mie passioni, bruscamente interrotto. Ho conseguito la seconda laurea, dopo lingue commerciali, in scienze dell'amministrazione:110 e lode. Ho imparato a usare il mio nuovo corpo. Ho ripreso a gestire il mio sito lauracapaccioli.it, in cui mi occupo di traduzioni". E adesso anche il nuovo libro: la prima presentazione c'è stata lo scorso 22 gennaio a Subbiano, ed è stata un successo, presto ad Arezzo ci sarà il bis. Appuntamento alla libreria Edison il prossimo 2 aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laura, la vita in pezzi contro un camion: "14 operazioni, ho imparato a usare il mio nuovo corpo. E sorrido"

ArezzoNotizie è in caricamento