rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Attualità Castiglion Fibocchi

"Evento rimandato, troppe polemiche". Stop alla rievocazione con divise militari d'epoca

La manifestazione "Passaggio del fronte 1944" di Castiglion Fibocchi del 9 e 10 luglio non si terrà a differenza di quanto inizialmente programmato

La rievocazione storica con polemiche di Castiglion Fibocchi non si farà. Gli organizzatori, a detta del sindaco Marco Ermini, non avrebbero avuto il via libera per il patrocinio del Comune e delle Provincia, come invece risultava da un volantino diffuso online.

Le amministrazioni hanno lamentato di non essere a conoscenza della tipologia di manifestazione dal titolo "Passaggio del fronte 1944" che si sarebbe dovuta svolgere i prossimi 9 e 10 luglio in zona, proprio nei giorni dell'anniversario dell'eccidio della Fontaccia.

Il rischio - puntualizzato da una nota del Pd dei giorni scorsi - era quello vedere persone vestite da militari nazisti in uno dei luoghi simbolo, nell'Aretino, del sangue versato per la Resistenza. Del caso si è interessata anche la Digos di Arezzo, parlando con le amministrazioni di Castiglion Fibocchi e delle Provincia di Arezzo, oltre che con l'associazione promotrice, per capire i contorni dell'appuntamento, visto che nella locandina si parlava anche di "picchetti militari".

A comunicare il dietrofront è la stessa associazione organizzatrice castiglionese, Fronte Italiano 1945, a proprosito di quella che viene definita "manifestazione rievocativa con scopo socio-culturale e ricreativa".

La risposta di Fronte Italiano 1945

"Si precisa e si ricorda che la presente associazione a promozione sociale, come da proprio statuto - si legge in una nota - ha sempre perseguito attività d’interesse generale con finalità civiche e solidaristiche, rivolte senza alcun indugio a principi educativi e d’istruzione. Nello specifico riteniamo doveroso evidenziare che le attività svolte non sono rivolte ad alcun principio nostalgico, propagandistico o di divulgazione di ideologie politiche di alcun genere bensì alla esclusiva attività di conservazione della memoria storica inerente gli eventi dell’ultimo conflitto mondiale nei nostri territori. Tali principi caratterizzano tutti i gruppi di rievocazione con cui collaboriamo, che svolgono attivamente con passione e professionalità queste attività in tutto il territorio nazionale per la buona riuscita degli eventi, portando sempre il profondo rispetto e il ricordo dei tragici eventi accaduti nel periodo storico di riferimento alle nostre precedenti generazioni. Si ritiene opportuno inoltre ricordare che i gruppi di rievocazione, invitati all’evento del 9 e 10 luglio, hanno già partecipato con successo ad eventi organizzati da associazioni presenti nel territorio provinciale e regionale, svolti negli allora campi di battaglia dell’Alpe di Catenaia e nelle strade provinciali attraverso il passaggio della Colonna della Libertà che hanno interessato più giorni rievocativi e la partecipazione di molti figuranti e mezzi dell’epoca". La nota conclude: "Visto il clima creatosi, la presente associazione ha deciso di annullare l’evento programmato per il 9 e 10 luglio, rinviando ad altro periodo, auspicando un clima più disteso attraverso la miglior comprensione dell’operato dell’associazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Evento rimandato, troppe polemiche". Stop alla rievocazione con divise militari d'epoca

ArezzoNotizie è in caricamento