Attualità

Stop al taglio dei lecci di viale Michelangelo, il comitato: "Ma le petizioni vanno avanti"

Ieri l'amministrazione comunale di Arezzo ha annunciato un cambio di strategia per la sistemazione dei giardini di Viale Michelangelo ad Arezzo. In particolare, per quanto riguarda la sostituzione dei lecci con i tigli. Nei prossimi giorni il...

lecci-flash

Ieri l'amministrazione comunale di Arezzo ha annunciato un cambio di strategia per la sistemazione dei giardini di Viale Michelangelo ad Arezzo. In particolare, per quanto riguarda la sostituzione dei lecci con i tigli. Nei prossimi giorni il Comune si confronterà con la Soprintendenza per capire il da farsi. Intanto interviene sulla questione il comitato informale Difendiamo il verde pubblico di Arezzo.

Il dietrofront dell'Amministrazione Comunale sull'abbattimento totale dei lecci e delle altre piante dei Giardini di Viale Michelangelo è senza dubbio una notizia importante, ma per il momento si tratta di una vittoria solo parziale e non definitiva.

Come cittadini, fin da subito abbiamo denunciato la follia che stava per essere messa in campo, ed abbiamo assistito con soddisfazione alla nascita, da quel momento, di una mobilitazione trasversale da parte di volontari, partiti politici, movimenti ed associazioni.

Per il referente del comitato, Vittorio Martinelli, "la battaglia non finisce qui, perché da ciò che è dato sapere il Comune intende comunque abbattere un certo numero di alberi e questa rimane una gravissima follia. Il dovere dell'Amministrazione è infatti quello di perseguire gli interessi della cittadinanza, ed in questo caso tali interessi sono il diritto alla salute e alla tutela dell'ambiente in quella che è l'area più trafficata ed inquinata della città. Ed è del tutto evidente che tali interessi non si tutelano diminuendo il verde pubblico, ma implementandolo".

Per questo vanno avanti le due petizioni promosse, una specifica sulle piante di Viale Michelangelo, dove non esistono problemi di sicurezza legati al verde e neppure di luminosità dell'area, l'altra che spinga il Comune a rispettare il bilancio ed il volume arboreo in tutto il territorio comunale: in sintesi tagliare solo dove assolutamente necessario e ripiantare immediatamente lo stesso numero e gli stessi volumi di alberi abbattuti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop al taglio dei lecci di viale Michelangelo, il comitato: "Ma le petizioni vanno avanti"

ArezzoNotizie è in caricamento