Un contributo agli spostamenti delle persone con disabilità. Graziella al fianco di Anmic e cooperativa Taxi

La Fondazione Graziella - Angelo Gori ha sostenuto la convenzione tra Anmic e Cooperativa Taxi. L’iniziativa permette a persone con disabilità di poter usufruire di spostamenti in taxi a costo ridotto

Un contributo al trasporto e agli spostamenti delle persone con disabilità. Ad averlo stanziato è la Fondazione Graziella - Angelo Gori che, tra i progetti sostenuti nel 2020, ha previsto un aiuto all’attività dell’Anmic - Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili di Arezzo per dar seguito alla convenzione stilata nel 2019 con la Cooperativa Taxi. Questa convenzione, nata in sinergia con il Comune di Arezzo, prevedeva la possibilità per le persone con disabilità di poter utilizzare il taxi ad un costo ridotto, andando così a migliorarne la qualità della vita sociale e lavorativa attraverso spostamenti in maggior autonomia nelle varie zone della città. Ai tesserati dell’Anmic, in totale 2.500 nella provincia di Arezzo, è infatti fornita la possibilità di poter richiedere un tagliando che garantisce un forte sconto sulle singole corse dal momento che la differenza del prezzo è saldata da un investimento della stessa associazione e, nei prossimi mesi, anche della Fondazione Graziella - Angelo Gori. Fondamentale per promuovere questa sinergia è stata la segnalazione e l’intermediazione di Matteo Giustini che, dipendente del Graziella Holding e associato dell’Anmic, ha messo in relazione le due realtà cittadine.

La convenzione è espressione dell’impegno portato avanti sul territorio provinciale dall’Anmic che, dal 1956, opera per la tutela e la rappresentanza dei diritti degli invalidi civili. Dalla propria sede in Corso Italia, questa associazione è a disposizione per aiutare le persone con disabilità a risolvere problemi di collocamento, pensione e accertamento di invalidità, per favorirne l’integrazione scolastica, per agevolarne il superamento delle barriere architettoniche e per garantirne assistenza legale, promuovendo anche progetti e servizi come l’accordo con la Cooperativa Taxi per migliorarne la quotidianità. «La nostra associazione - commenta Stefano Buratti, presidente dell’Anmic provinciale, - opera per permettere alle persone con disabilità di migliorare la qualità della loro vita e di superare gli ostacoli della quotidianità, per valorizzarli come risorse per la collettività e per tutelare le pari opportunità. In questo senso, riteniamo importante attivare progetti sinergici come quello con la Cooperativa Taxi che favorisce gli spostamenti dei nostri associati attraverso taxi attrezzati anche per il trasporto di disabili in carrozzina: ringraziamo la Fondazione Graziella - Angelo Gori per aver sostenuto questa iniziativa, permettendoci di consolidarla, di darle seguito e di garantirle un ulteriore sviluppo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento