“Solidarietà in Buone Mani Onlus” promuove la prima Giornata del Benefattore

La “Giornata del donatore” è patrocinata dal Comune di Castiglion Fiorentino

Sembra un azzardo ma non lo è, o almeno non è tale per don Giuliano Faralli, presidente di “Solidarietà In Buone Mani Onlus” di Castiglion Fiorentino e per tutta l’associazione. Il 2020 ha messo in seria difficoltà le iniziative di raccolta fondi della Onlus ed in generale gli introiti degli enti umanitari.

“Avevamo ideato con il consiglio dell’associazione - spiega don Giuliano Faralli - questa iniziativa ben prima della  pandemia; lo scopo era quello di valorizzare gli sforzi e la generosità dei nostri donatori e benefattori, quella che ci giunge nei viaggi da chi beneficia del nostro aiuto e dai missionari ma che poi deve divenire una gratitudine permanente. Siamo convinti che il nostro agire e la nostra storia abbia un fondamento spirituale forte e questo è la base della nostra attività: la condivisione dei valori di Solidarietà e impegno per i poveri con quanti credono in questi.”

L’iniziativa avrà inizio venerdì 9 ottobre con una presenza simbolica tra la gente, nei pressi del mercato settimanale ci sarà un gazebo dell’associazione a piazzale Garibaldi. Ma il culmine ci sarà domenica 11 ottobre alle ore 18 con la messa alla chiesa della Collegiata, uno momento di preghiera, di riflessione e un pensiero forte ai Benefattori dell’Associazione che non sono più tra noi.  A seguire ci sarà uno spettacolo di giochi di bandiera nella piazza antistante la chiesa grazie al “Gruppo storico e sbandieratori Città di Castiglion Fiorentino” che non potevano mancare. Grandi protagonisti del lungo viaggio di solidarietà iniziato con Padre Arturo Buresti e oggi testimonial di tante iniziative a favore dei progetti.

La “Giornata del donatore” è patrocinata dal Comune di Castiglion Fiorentino. Il Presidente, il Direttivo e i Soci sperano di incontrare in queste due occasioni i Benefattori del nostro territorio. Don Giuliano in particolare ci tiene a precisare “desideriamo ringraziare anche tutti coloro che ci aiutano con il 5 x mille, che è il primo introito del nostro bilancio e che anche quest’anno si è confermato a buoni livelli”.

La Onlus castiglionese opera sia in Africa, ovvero in Sierra Leone, che nello stato sudamericano del Perù. In questi mesi la problematica del Covid Sars 2 ha colpito soprattutto il secondo, e anche per questo l’Associazione conta di confermare tutti i suoi impegni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento