A vuoto il bando ministeriale per la gestione dell'antica Badia di Soffena

Non è ancora stato trovato un concessionario per la gestione della Badia di Soffena a Castelfranco, come riporta il Sole 24 Ore. L’operazione dall'alto per dare una chance ad alcuni beni culturali e piccoli musei d'Italia è riuscita in parte...

badia_soffena

Non è ancora stato trovato un concessionario per la gestione della Badia di Soffena a Castelfranco, come riporta il Sole 24 Ore.

L’operazione dall'alto per dare una chance ad alcuni beni culturali e piccoli musei d'Italia è riuscita in parte: solo 5 dei 13 siti del demanio culturale statale coinvolti saranno dati in gestione; era stato infatti aperto un bando, destinato unicamente ad associazioni e fondazioni no profit.

Cinque siti sono stati affidati a nuovi gestori, in due circostanze sono arrivate offerte non adeguate e negli altri casi non ci sono proprio state offerte, come per la Badia di Soffena.

I cinque luoghi che ora si avviano a nuova vita - spiega il Sole - sono la chiesa di San Barbaziano a Bologna, affidata all’Associazione Aics di Bologna; il castello e il museo nazionale “Naborre Campanini” a Canossa (Reggio Emilia), dati in concessione all’Associazione culturale Matilde di Canossa; villa Giustiniani a Bassano Romano (Viterbo), che sarà gestita dal Fai; la certosa di Trisulti, a Collepardo (Frosinone), di cui si occuperà l’Associazione Dignitatis humanae institute di Roma; villa del Bene a Dolcè, località Volargne (Verona), appannaggio della Pro loco di Volargne.

Offerte insufficienti per la chiesa di San Pietro ad Oratorium a Capestrano (L’Aquila) e per la villa del Colle del Cardinale a Perugia.

Nessuna offerta per l’abbazia di Santa Maria di Vezzolano di Albugnano (Asti), per il castello di Moncalieri (Torino); per la Badia di Soffena, che si trova nel comune di Castelfranco di Sopra-Piandiscò (Arezzo), per l’eremo di San Leonardo al Lago, a Monteriggioni (Siena), per villa Brandi a Vignano (Siena), per il castello Bufalini a San Giustino (Perugia).

Resta così aperto il destino dell'antica (è del 1014 il primo documento che ne attesta l'esistenza) e splendida chiesa alle porte di Castelfranco. Alla fine dello scorso anno, il sindaco di Castelfranco-Piandiscò Cacioli aveva promosso una petizione popolare da inviare al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per evitare che l’abbazia fosse data in gestione ad esterni dopo che il Comune aveva acquisito parte del terreno che la circonda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

@MattiaCialini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Si inclina un silos con 900 tonnellate di cemento, il sindaco: "Se collassa, ci sarà una nube. Restate in casa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento