menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

30 mila euro dalla Regione per il Sistema Museale del Valdarno Superiore

E’ stato presentato questo pomeriggio il Sistema Museale del Valdarno Superiore, rinnovatosi lo scorso luglio con la firma della nuova convenzione da parte degli Enti pubblici e privati, legali rappresentanti dei musei del territorio che ne fanno parte

E’ stato presentato pubblicamente, questo pomeriggio al Museo delle Terre Nuove di San Giovanni, il Sistema Museale del Valdarno Superiore. E già il primo importante annuncio: l’organismo si è aggiudicato il bando della Regione Toscana e ha ottenuto il massimo dei finanziamenti.

La collaborazione fra i musei del territorio (Museo Casa Masaccio - Centro per l’arte contemporanea di San Giovanni Valdarno, Museo delle Terre Nuove di San Giovanni Valdarno, Museo Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento di Montevarchi, Museo Venturino Venturi di Loro Ciuffenna, il MINE Museo delle Miniere e del Territorio di Cavriglia, il Museo della Basilica di S. Maria delle Grazie di San Giovanni Valdarno e il Museo Paleontologico di Montevarchi)  già attiva da diversi anni con un protocollo d’intesa tra gli Enti proprietari, si è consolidata attraverso la firma di una nuova convenzione a luglio 2020.

La Regione Toscana aveva disposto una modifica del proprio sistema di accreditamento dei musei di rilevanza regionale, attraverso un adeguamento dei propri standard a quelli previsti a livello nazionale. E anche il Sistema museale del Valdarno, per adattarsi alle ultime disposizioni della legge regionale e consolidare la propria posizione, aveva deciso di cambiare veste trasformando il protocollo d’intesa fino a quel momento in vigore in una convenzione strutturata e sottoscritta dagli enti pubblici e privati proprietari dei musei.

Obiettivi principali, come si legge nel documento, sono quelli di favorire “la cooperazione tra i musei del territorio, la valorizzazione del patrimonio culturale dell’area, la qualificazione dell’offerta di fruizione, la promozione, la dotazione di professionalità”.

Al sistema anche il compito “di coadiuvare gli enti preposti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio di beni architettonici e paesaggistici dell’area, agevolando e favorendo lo sviluppo di tutte le attività culturali, in collaborazione con le istituzioni e le associazioni culturali operanti sul territorio di pertinenza e su quello dei sistemi museali confinanti”.

Il Sistema Museale si struttura in un Comitato di indirizzo e in un Comitato tecnico-scientifico. Spetta al Comitato di indirizzo, composto dai sindaci o loro delegati dei Comuni titolari dei musei e dai legali rappresentati o loro delegati degli enti titolari dei musei privati, il compito di approvare i programmi, le attività e i piani finanziari. Ente capofila per il triennio 2020 – 2023 è stato designato il Comune di San Giovanni Valdarno, che esprime il presidente del Comitato di indirizzo. La vicepresidenza del Comitato di indirizzo è stata assegnata al Comune di Montevarchi. Il Comitato tecnico-scientifico è invece composto dai direttori e/o responsabili dei musei che costituiscono il Sistema, ed ha il compito di elaborare le proposte programmatiche e le attività e curarne l’attuazione. Per il primo triennio direttore/coordinatore del Comitato tecnico-scientifico è stata nominata Paola Bertoncini, direttrice del museo MINE di Cavriglia.

“La volontà del sistema museale - spiega Paola Bertoncini – è quella di una collaborazione sinergica fra gli enti proprietari dei musei e le necessità scientifiche affinché i musei del Valdarno possano insieme ampliare le loro offerte per una maggiore diffusione del patrimonio territoriale e  il raggio delle collaborazioni con altri sistemi museali vicini, partner culturali ed economici. Le decisioni prese permetteranno una razionalizzazione dei servizi, un’omogeneità di offerta e una più incisiva opera di tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio. Oltre ai finanziamenti già concessi annualmente dagli enti proprietari dei musei, il sistema potrà concorrere a bandi regionali, nazionali ed europei che permetteranno maggiori investimenti nella cultura. Il rapporto con le scuole, con le quali abbiamo già fatto il punto della situazione è prioritario così come l'educazione al patrimonio e il rapporto con le comunità; abbiamo già distribuito agli istituti scolastici il catalogo dell'offerta educativa 2020/2021 e stiamo lavorando ad azioni volte ad ascoltare la comunità”.

Primo passo del Sistema museale del Valdarno Superiore è stato quello di partecipare al bando regionale “Sistema museale 2020” per ottenere i finanziamenti necessari per la digitalizzazione, l’acquisto di nuove tecnologie e la formazione del personale. Il progetto presentato, dal titolo “Musei digitali al servizio della comunità”, oltre al rifacimento del sito internet del Sistema e all’implementazione della presenza social, prevede la realizzazione di visite virtuali con tecnologia 3d e realtà aumentata.
Mentre infatti negli anni passati il ricorso al virtuale era accessorio ed episodico, prevalentemente di carattere informativo, con l’emergenza sanitaria ancora in corso si è rivelato di assoluta importanza. Il digitale è diventato una strada imprescindibile e stimolante da percorrere per attivare nuovi tipi di contenuti e raggiungere nuove tipologie di pubblico. Necessaria quindi una ridefinizione e un aggiornamento nelle forme, nella sostanza e nelle strategie, per diventare parte integrante dell’identità e dell’attività del Sistema. Per questo, la Regione Toscana ha accolto il progetto presentato e lo ha premiato riconoscendo il massimo del finanziamento: 30mila euro.

“I passi che il Sistema Museale del Valdarno Superiore ha compiuto nel corso dal 2020  - commenta Fabio Franchi, presidente del Comitato di indirizzo e assessore alla cultura di San Giovanni Valdarno – sono estremamente significativi e motivo di orgoglio per tutti noi. E’ frutto di un lavoro intenso che, pur in un anno segnato da oggettive difficoltà, con tenacia e determinazione abbiamo voluto perseguire. Il Sistema, già esistente ormai da molti anni, nei mesi scorsi ha rafforzato e consolidato ulteriormente la sua struttura e il suo funzionamento, non solo dal punto di vista formale, ma anche dal punto di vista sostanziale. Da un punto di vista formale, sono state poste le basi per una più chiara definizione dell’assetto del Sistema, delle competenze dei vari soggetti che lo compongono e degli obiettivi strategici e culturali che il Sistema si pone, oltre per una valorizzazione unitaria del patrimonio museale posseduto. Dal punto di vista sostanziale, il consolidamento del Sistema sotto questa forma e con queste modalità ha ridato slancio al Sistema stesso, ha incentivato ancor di più l’attività e l’attivismo dei musei, la loro presenza capillare sul territorio, e ha rafforzato un clima di fattiva, costante, intensa e propositiva collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti. Non solo il Sistema è costituito da musei con standard qualitativi molto elevati, ma la condivisione di obiettivi, il continuo confronto tra le direzioni, l’elaborazione di progetti comuni saranno in grado di elevare ulteriormente la qualità dell’offerta museale del nostro territorio, e più in generale dell’offerta culturale tout court. Il Sistema museale si configura quindi come una rete di poli culturali d’eccellenza, tracciando un percorso ideale nella storia, nelle tradizioni, nelle arti, nella cultura del Valdarno, spaziando dalla preistoria al contemporaneo, passando per la valorizzazione dei grandi maestri del nostro territorio, per il recupero e la promozione della memoria e della storia sociale del Valdarno attraverso i secoli. Grazie anche a una rete consolidata, strutturata e forte quale quella che con il Sistema Museale abbiamo voluto costruire, il Valdarno si presenta – dal punto di vista culturale – come una unica città diffusa e policentrica, in cui il visitatore, il turista, ma anche il cittadino, possono intrattenersi in un percorso unitario di sette luoghi della cultura. Starà a tutti noi, a questo punto, lavorare in modo ancora più intenso, affinché gli obiettivi che ci siamo posti possano essere raggiunti in modo efficace e nel minor tempo possibile”.

Alla conferenza stampa erano presenti i rappresentanti degli Enti e i direttori dei musei.
Questa la composizione del Comitato di indirizzo del Sistema Museale del Valdarno Superiore: Fabio Franchi, assessore alla cultura del Comune di San Giovanni Valdarno e presidente del Comitato di indirizzo del Sistema museale del Valdarno Superiore, Maura Isetto, assessore alla cultura del Comune di Montevarchi e vice presidente del Comitato di indirizzo del Sistema Museale del Valdarno Superiore, Filippo Boni assessore alla cultura del Comune di Cavriglia, Nicoletta Cellai assessore alla cultura del Comune di Loro Ciuffenna, Lorenzo Tanzini presidente Accademia Valdarnese del Poggio e Don Luigi Torniai rettore della Basilica di Santa Maria delle Grazie.
Di seguito i membri del Comitato tecnico scientifico del Sistema Museale del Valdarno Superiore: Paola Bertoncini, direttore del MINE Museo delle Miniere e del Territorio di Cavriglia e direttore e coordinatore del Comitato tecnico scientifico del Sistema Museale del Valdarno Superiore, Elena Facchino direttore del Museo Paleontologico di Montevarchi, Lucia Fiaschi direttore del Museo Venturino Venturi di Loro Ciuffenna, Fausto Forte direttore di Casa Masaccio centro per l’arte contemporanea di San Giovanni Valdarno, Michela Martini direttore del Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie di San Giovanni Valdarno, Federica Tiripelli direttore del Museo Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento di Montevarchi e Valentina Zucchi direttore del Museo delle Terre Nuove di San Giovanni Valdarno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

  • Calcio

    Arezzo-Matelica. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento