Sabato, 25 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sindaco dove sei?". Comitato per la ripubblicizzazione deposita esposto contro Nuove Acque

“Interrompere il servizio di fornitura idrica non solo non è etico ma, non è neanche consentito dalla legge”. Come preannunciato, i militanti del Comitato Acqua Pubblica di Arezzo, insieme a Massimo Ricci e Paolo Lepri del Movimento Cinque...

“Interrompere il servizio di fornitura idrica non solo non è etico ma, non è neanche consentito dalla legge”.

Come preannunciato, i militanti del Comitato Acqua Pubblica di Arezzo, insieme a Massimo Ricci e Paolo Lepri del Movimento Cinque Stelle, questa mattina si sono presentati in Procura per depositare un esposto nei confronti di Nuove Acque.

Le ragioni che hanno spinto il Comitato a richiedere l’intervento del tribunale riguardano i recenti episodi che si sono verificati nei confronti di alcuni utenti. Stando alle segnalazioni, riportate con dovizia di particolari all’interno dell’esposto, circa quindici famiglie sono state raggiunte da operatori di Nuove Acque i quali hanno notificato che di lì a breve il servizio di erogazione idrica sarebbe stato interrotto.

Anche le suore di San Giuliano tra i morosi

“Tutto questo – spiega Gianfranco Morini presidente Comitato Acqua Pubblica – perché gli utenti in questione sono ritenuti “morosi” in quanto si stornano dalle bollette la percentuale riguardante il capitale di remunerazione voce, che nel 2012 è stata abolita dal referendum. Questi cittadini non fanno altro che applicare la legge mentre Nuove Acque, al contrario, ha sempre ignorato l’esito referendario. Adesso poi siamo arrivati all’assurdo. Nessun gestore ha il potere di chiudere i rubinetti alle utenze. E’ proibito dalla legge”.

L’esposto, dopo essere stato depositato in tribunale, è stato recapitato anche al prefetto di Arezzo Alessandra Guidi e al sindaco Alessandro Ghinelli.

“Chiediamo all’amministrazione – prosegue Morini – che rispetti gli impegni sottoscritti in campagna elettorale e ribaditi durante i primi mesi di governo. Il primo cittadino di Arezzo non può rimanere indifferente a questa situazione deve prendere posizione”.

Si parla di

Video popolari

"Sindaco dove sei?". Comitato per la ripubblicizzazione deposita esposto contro Nuove Acque

ArezzoNotizie è in caricamento