Sindacati: "Poste, privatizzazione scelta scellerata che mina il servizio e mette a rischio i lavoratori"

No alla privatizzazione e no al recapito a giorni alterni. Questa la volontà espressa stamani all'attivo unitario dei lavoratori di Poste Italiane della Toscana a cui hanno aderito tutte e sei le sigle sindacali firmatarie del contratto nazionale...

No alla privatizzazione e no al recapito a giorni alterni. Questa la volontà espressa stamani all'attivo unitario dei lavoratori di Poste Italiane della Toscana a cui hanno aderito tutte e sei le sigle sindacali firmatarie del contratto nazionale: Slc-Cgil, Cisl-Slp, Uilposte, Failp-Cisal, Confsal, Ugl.

"Desta forte preoccupazione la decisione del governo di cedere il controllo del 35% delle azioni di Poste a Cassa Depositi e Prestiti, insieme all’annunciata volontà di collocazione sul mercato del 30% di azioni rimaste in mano al Ministero Economia e Finanza, smantellando di fatto un servizio pubblico rivolto ai cittadini e mettendo a rischio i lavoratori - si legge nel documento approvato dall'assemblea - Mossa che farà perdere definitivamente a Poste Italiane la caratteristica di servizio sociale, che in futuro sarò costretta a rispondere solo alle logiche del profitto, con scarso interesse ai settori più deboli a cui oggi si rivolge".

Hanno partecipato ai lavori i segretari generali della Toscana dei sindacati di categoria - Graziano Benedetti della Slc-Cgil, Vito Romaniello della Cisl-Slp, Renzo Nardi della Uilposte, Luigi Ferraro della Failp-Cisal, Orazio Peluso della Confsal e Guglielmo Ruffo della Ugl - che hanno ribadito le criticità emerse nel progetto di recapito a giorni alterni portato avanti da Poste Italiane ad Arezzo (dove è partito il 2 maggio scorso) e Prato (partito invece il 27 giugno). Il recapito a giorni alterni sarà realtà in tutta Italia entro il 2017.

Con il recapito a giorni alterni in provincia di Arezzo sono stati tagliati 61 posti di lavoro, mentre a Prato saranno 41 i posti di lavoro in meno. A regime, dicono i sindacati, gli esuberi in Toscana saranno un migliaio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Faremo iniziative pubbliche per spiegare i rischi del progetto industriale di Poste Italiane che prevede privatizzazione e recapito a giorni alterni - spiegano i sindacati - Faremo incontri con le istituzioni, con i parlamentari toscani, con le associazioni dei consumatori, con i sindacati dei pensionati. Tutti devono sapere che la privatizzazione e il recapito a giorni alterni sono frutto di scelte industriali sbagliate. Se l'azienda non ci ascolterà siamo pronti alla mobilitazione. Valuteremo tutte le possibilità, fino allo sciopero generale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma della strada: perde la vita in un terribile schianto alle porte di Arezzo

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Muore a 24 anni nello schianto tra Monte San Savino e Arezzo

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento