menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza sulle macchine agricole, un accordo per promuovere formazione e informazione

Un tavolo apposito coordinato dalla Regione monitorerà le azioni, definendo anche documenti comuni (linee guida, orientamenti tecnici)

Sicurezza e agricoltura: un binomio su cui ancora c’è da lavorare. E per fare un ulteriore passo avanti arriva un accordo specifico per promuovere iniziative di formazione e informazione sulla sicurezza da un lato e dall’altro di prevenzione e tutela della salute degli operatori che ogni giorno utilizzano le macchine agricole.

L’intesa, il cui schema è stato approvato dall’ultima giunta, sarà siglata dalla Regione Toscana, da Ente terre regionali toscane, da ARTI (Agenzia regionale Toscana per l’impiego) e dal DAGRI, il Dipartimento di scienze e tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università degli Studi di Firenze.

"Il grande tema della sicurezza sul lavoro, che torna troppo spesso tristemente di attualità nella nostra regione, riguarda molto anche il settore agricolo – commenta la vicepresidente e assessore all’agroalimentare Stefania Saccardi –. Il nostro impegno nel settore, che negli anni non si è mai fermato, punta anche sulla sensibilizzazione e la promozione della cultura della sicurezza attraverso la quale è possibile modificare i comportamenti scorretti degli operatori nell’uso delle macchine agricole. Grazie a questa intesa, saremo in grado di assicurare una serie di iniziative volte alla formazione e alla informazione nell’auspicio di imboccare la strada di una sempre maggiore sicurezza”.

*“E’ una sfida continua quella della sicurezza sul lavoro – afferma l’assessora a lavoro e formazione Alessandra Nardini – e ad essa non si può rispondere che intensificando la qualità dell'azione amministrativa e di governo. L’intesa che verrà firmata risponde ad un’esigenza specifica del mondo agricolo, ma anche alla generale necessità, testimoniata da progetti e iniziative regionali in altri settori produttivi, dalle attività portuali e a quelle del tessile e delle confezioni, di promuovere una cultura e una pratica della sicurezza. Questo significa innanzitutto tutelare la vita di lavoratrici e lavoratori, ma anche difendere pienamente la dignità del lavoro”.

In pratica, saranno organizzate attività condivise di formazione e sensibilizzazione per promuovere un uso attento delle macchine agricole e la sicurezza degli operatori che le manovrano. Un tavolo apposito coordinato dalla Regione monitorerà le azioni, definendo anche documenti comuni (linee guida, orientamenti tecnici) e individuando iniziative per la divulgazione e diffusione dei temi dell’accordo agli operatori agricoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento