Sicurezza, Arezzo a tinte fosche: calano rapine e furti d'auto, aumentano i reati relativi agli stupefacenti

Per quanto riguarda la sicurezza c'è un piccolo balzo in avanti. Un balzo dal 38esimo al 35esimo posto, con numeri che in alcuni frangenti si confermano perssoché stabili. 

Le rapine e i furti d'auto sono ben al di sotto della media nazionale. I reati collegati agli stupefacenti, invece, sono di gran lunga superiore. E' una Arezzo a tinte fosche quella che viene dipinta con i dati sulla Qualità della vita, elaborati come di consueto dal Sole 24 Ore. In linea generale Arezzo passa dal 21esimo posto del 2017 al 35esimo del 2018. Per quanto riguarda la sicurezza però c'è un piccolo balzo in avanti. Un balzo dal 38esimo al 35esimo posto, con numeri che in alcuni frangenti si confermano perssoché stabili. 

La classifica dello scorso anno

Gli indicatori

Scippi e borseggi, indice di litigiosità, ma anche rapine, furti di auto e spaccio di stupefacenti: sono questi i fenomeni presi ad indicatori della situazione sicurezza. 

Partendo da quelli che sono tra i reati che più preoccupano gli aretini, ovvero gli scippi e i borseggi, si scopre che ad Arezzo nel 2017 ne sono avvenuti 134 ogni 100mila abitanti, un dato che ci porta in 58esima posizione. L'anno precedente però erano pari a 111, in netta crescita. Poi  le rapine, in calo e pari a 15,4 ogni 100mila abitanti (contro le 22 dell'anno precedente) portano Arezzo dalla 38esima alla 23esima posizione. In calo anche i furti di auto, scesi da 39 a 27,1, fanno balzare la città dal21esimo al 14esimo posto. 

La nota dolente, invece, arriva per i delitti connessi agli stupefacenti. Ma è necessaria una precisazione: durante il 2017 infatti sono state intensificate da parte delle forze dell'ordine le operazioni anti droga. Attività importanti che hanno dato i loro frutti, andando a colpire vere e proprie organizzazioni.  I dati relativi ad arresti e sequestri vanno ovviamente a fare parte di questa classifica che vede Arezzo 103esima, con oltre 92 reati di questo tipo ogni 100 abitanti. Peggio di Firenze o Padova. Meglio solo di Pisa, Ravenna, Roma e Genova. 

Il dossier sulla Qualità della vita prende in esame anche i tempi della giustizia. Si scopre così che gli aretini sono diventati più litigiosi: nel 2017 sono state iscritte 2318,5 cause civili ogni 100mila abitanti, che portano Arezzo in 53esima posizione. L'anno precedente erano state 652. Le cause pendenti dopo tre anni sono 15,7 nogni 100mila abitanti (40esima posizione) e la durata media dei processi è di 188 giorni: pochi, tanto da valere la 17esima posizione in graduatoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento