menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'incontro con le scuole e poi l'inaugurazione del parco della Liberazione

Settimana della Memoria a Civitella: le iniziative dell’amministrazione comunale

Civitella non dimentica. In occasione della Giornata della Memoria si sono appena concluse a Civitella in Valdichiana le celebrazioni organizzate dall'amministrazione comunale per rendere omaggio alle vittime della Shoah e della resistenza. Sabato 30 gennaio scorso a Tegoleto si è tenuta l’intitolazione dell'area verde di via Molinara che è diventata Parco della Liberazione. Qui sorge il monumento ai partigiani donato da Reno Alviero Del Tongo, figlio del partigiano “Foffo”, e realizzato dall'artigiano locale Rossano Fabiani. Alla cerimonia hanno preso parte il sindaco Ginetta Menchetti e il presidente dell’Anpi di Civitella Nico Laurini. Presente anche una rappresentanza degli  studenti delle classi terze dell’istituto comprensivo Martiri di Civitella con letture, parole e poesie. La cerimonia è stata accompagnata dalla tromba di Edo Bonucci.

“Il Segnalibro della Memoria”, racconti, affabulazione, immagini, video, discussioni per tutta la giornata del 27 gennaio, con l’intervento dell’attrice Silvia Martini, è l’iniziativa che si è tenuta presso l’istituto comprensivo Martiri di Civitella con il contributo del Comune. Data l'emergenza Covid-19 gli interventi non si sono tenuti in auditorium ma nelle singole classi.

“Due momenti storici che ci impongono appunto di non dimenticare ma – commenta il sindaco Menchetti – anzi di promuovere consapevolezza, conoscenza di quello che è stata la pazzia e l’atrocità del nazifascismo negli uomini, donne e giovani di oggi nella speranza che l’umanità non si stanchi mai più di difendere i valori fondanti della nostra Costituzione: democrazia e libertà. Oggi più che mai in questo periodo così preoccupante, non solo a livello politico, ma anche sociale, con una caduta di valori evidente, rifarsi a quella parte di  storia che ha restituito dignità all’essere umano, sia con l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz sia con la Resistenza diventa un fatto simbolicamente molto forte. Ricordare è un dovere morale prima ancora che istituzionale, affinché gli errori del passato siano un monito per il presente ed il futuro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento