Settantadue lecci da abbattere, 1.700 firme online per dire no. Il Wwf: "Nessuna risposta dal Comune"

Prosegue la raccolta firme in città a cui si aggiunge quella on-line attivata dal Wwf che ha in pochi giorni ha superato quota 1.700. Sono trascorsi oltre 20 giorni da quando il Wwf - si legge in una nota dell'associazione - ha chiesto un...

lecci-flash

Prosegue la raccolta firme in città a cui si aggiunge quella on-line attivata dal Wwf che ha in pochi giorni ha superato quota 1.700.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Sono trascorsi oltre 20 giorni da quando il Wwf - si legge in una nota dell'associazione - ha chiesto un incontro al sindaco Ghinelli e all’assessore Gamurrini, al fine di avere chiarimenti sul progetto di riqualificazione dei giardini di viale Michelangelo e in particolare per quanto riguarda il taglio dei 72 storici lecci.

Ebbene, ad oggi l’unica cosa che possiamo dire in merito è che nessuno ci ha contattati. Ci vogliamo augurare che questo silenzio sia sintomo di un ripensamento da parte del Comune. Intanto le raccolte firme in corso nei vari punti del centro città e quella on line lanciata a supporto dal Wwf hanno già ottenuto migliaia di firme, un risultato straordinario che va oltre le nostre aspettative. Aumentano sempre di più le prese di posizione a difesa dei lecci: da parte di associazioni, gruppi politici e personalità del mondo scientifico. Appare pertanto evidente la volontà popolare: i cittadini sono contrari all’abbattimento delle piante e gli amministratori comunali dovranno per forza tenere conto di questa volontà. Rimaniamo anche in attesa di un intervento dell'assessore all'Ambiente, preso atto che il taglio dei lecci è sicuramente anche di sua competenza, in quanto, sia per quanto riguarda la parte ecologica, sia per la qualità dell’aria nella zona dove le piante sono attualmente presenti, l’attuazione di questo progetto a nostro avviso rappresenterebbe un grave danno a livello ambientale. Ringraziamo tutti i cittadini che hanno già aderito alla petizione e invitiamo chi ancora non lo avesse fatto a recarsi ai punti di raccolta delle firme o aderire a quella on line.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento