Semplicemente Donna, le premiate della V edizione

Combattere la violenza di ogni genere nei confronti delle donne e celebrare i successi e i traguardi raggiunti. Il Premio Semplicemente Donna arriva alla quinta edizione mantenendo fede alla mission che è alla base dell'omonima associazione...

Mimmina_SemplicementeDonna2017

Combattere la violenza di ogni genere nei confronti delle donne e celebrare i successi e i traguardi raggiunti.

Il Premio Semplicemente Donna arriva alla quinta edizione mantenendo fede alla mission che è alla base dell'omonima associazione.

“L'intento non è solo quello di consegnare un riconoscimento a figure femminili che si sono distinte nei rispettivi ambiti o hanno dovuto lottare per affermare i propri diritti - spiega Chiara Fatai, vice presidente del comitato organizzatore - la cerimonia di consegna è solo l'ultimo evento in programma di una due giorni che vedrà le premiate di questa edizione incontrare gli studenti degli istituti scolastici cortonesi. Il nostro obiettivo primario è proprio quello di promuovere il dialogo, il confronto e il dibattito con le nuove generazioni per combattere la violenza di genere di ogni genere e non solo”.

L'obiettivo del comitato organizzatore è stato raccolto in pieno dalla Giuria, presieduta da Ivana Ciabatti che ha deliberato di assegnare il prestigioso riconoscimento al Premio Nobel per la Pace Leymah Gbowee, al Premio Sakharov Lamya Haji Bashar, a Lidia Vivoli, a Barbara Stefanelli, a Maria Teresa Lamberti, al Progetto After di Actionaid, a Marina Spadafora e a Imola Giramondi “Mimmina".

“Il lavoro della giuria è stato molto intenso - spiega la presidente Ivana Ciabatti - i nomi che abbiamo scelto sono personalità orti e le loro storie sono davvero molto toccanti. Raccontiamo anche quest’anno vicende di donne che si sono distinte per la loro volontà e coraggio. Donne che hanno continuato ad inseguire i propri sogni sempre facendoli diventare realtà. Siamo certi che queste testimonianze possono essere esempio e fonte di ispirazione. Chiedo ancora una volta alle istituzioni di farsi portavoce delle necessità dell’universo femminile. Servono leggi e regole maggiormente dure ed efficaci per chi commette atti di violenza contro le donne. Non ci stancheremo mai di ripetere questo appello”.

Tra le novità di questa edizione un premio riservato ad un personaggio maschile e in particolare al Console Generale della Repubblica Federativa del Brasile Afonso Alvaro de Siqueira Carbonar.

"Novità di questa edizione condivisa dal comitato organizzatore per mettere in risalto anche l'impegno di un uomo per contrastare il fenomeno della violenza di ogni genere alle donne - spiega Chiara Fatai - il console Carbonar si è particolarmente prodigato per contrastare tale fenomeno all'interno della comunità brasiliana in Italia attivando le procedure del Codice Rosa".

Il premio giunto alla quinta edizione può contare sulla collaborazione con ActionAid e su importanti patrocini come la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l'Unità dei Diritti Umani del Parlamento Europeo Premio Sakharov, della Camera dei Deputati, della Regione Toscana e del Consiglio Regionale della Toscana, della Provincia di Arezzo e del Comune di Cortona.

“Non individualmente ma collettivamente ce la possiamo fare - ha sottolineato la senatrice Donella Mattesini - E’ importante che le donne trovino una ragione per condurre una battaglia comune contro la violenza di genere. Dobbiamo combatterla sul piano culturale e formativo e in questo senso è il coinvolgimento dell’ambiente scolastico e degli studenti è la strada giusta da percorrere. Trovo davvero pregevole anche la scelta di premiare un uomo perché sono convinta che mettere in comunicazione i due sessi sia fondamentale per diffondere un messaggio paritario e dove la bellezza può essere trovata nell’uguaglianza di genere”.

Il programma. Nella mattina del 24 Novembre, alcune premiate incontreranno gli studenti del Liceo Classico e Artistico "Luca Signorelli" e l'istituto superiore "Vegni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarà la giornalista Monica Peruzzi a condurre la serata di venerdì 24 novembre alle ore 21 presso il teatro Signorelli di Cortona. La mattina del 25 Novembre presso la Sala del MAEC di Cortona il Premio Nobel Lymah Gbowee incontrerà gli studenti in un evento pubblico dopo essere stata ricevuta ufficialmente dal Sindaco di Cortona.

Twitter @ArezzoNotizie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento