Scuola, cattedre scoperte, unanimità a mozione in Consiglio regionale

“A tre mesi dall’inizio dell'anno scolastico, in alcuni Istituti della nostra regione, perdurano disagi a causa di cattedre scoperte. Chiediamo alla Giunta regionale di attivarsi presso il Ministero dell’Istruzione affinché a questi plessi siano...

vadi_valentina

“A tre mesi dall’inizio dell'anno scolastico, in alcuni Istituti della nostra regione, perdurano disagi a causa di cattedre scoperte. Chiediamo alla Giunta regionale di attivarsi presso il Ministero dell’Istruzione affinché a questi plessi siano assegnati, nel più breve tempo possibile, gli insegnanti che mancano”. È quanto chiede alla Giunta regionale Valentina Vadi, consigliere regionale Pd, attraverso la mozione sulla “Situazione delle scuole di Firenze e della Toscana”, di cui è stata prima firmataria insieme al collega di Forza Italia, Marco Stella, e approvata ieri all’unanimità dall’Assemblea Toscana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“All’inizio dell’anno scolastico nella nostra regione si sono verificati non pochi disagi per la mancanza di molti insegnanti, tra cui anche quelli destinati a bambini e ragazzi con disabilità - continua Vadi - Una circostanza che, come sappiamo, si è venuta a creare con la richiesta di trasferimento concessa dal Ministero a seguito dell’assegnazione dei ruoli. Premesso che nelle ultime settimane la situazione è andata migliorando in quasi tutto il territorio, tuttora, in diverse scuole, ci sono classi con cattedre vacanti. Ce lo confermano le segnalazioni arrivateci fino a pochi giorni fa da alcuni istituti. Per i quali è urgente trovare una soluzione. Pertanto, chiediamo alla Giunta di sollecitare il Ministero affinché siano sanate tutte le carenze di organico completando le assegnazioni di insegnanti alle proprie scuole di competenza, tenendo appunto conto dell’importanza che hanno continuità e costanza negli anni della formazione – conclude Vadi – Siamo convinti che la Giunta regionale, così come ha sempre fatto, dimostrerà attenzione e impegno su questo tema. Inoltre, auspichiamo che queste difficoltà per le nostre scuole non si ripetano all’avvio del nuovo anno scolastico e che si chieda al Ministero di risolvere preventivamente eventualità di questo tipo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento