Provincia d'Arezzo delle meraviglie: scoperto antico selciato lungo la Cassia Vetus

Si tratta di una strada medievale, rifacimento di un percorso viario che venne utilizzato almeno dal II sec. a.C. E' stata scoperta in occasione della messa in opera della nuova rete fognaria di Nuove Acque

Nelle scorse settimane, durante i lavori di assistenza archeologica a Cappannelle nel comune di Castiglion Fibocchi, in occasione della messa in opera della nuova rete fognaria da parte di Nuove Acque S.p.A., è stata riportata alla luce una porzione di un antico selciato stradale in ottimo stato di conservazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’intervento - spiegano dal Comune - si è svolto sotto la direzione scientifica di Ada Salvi, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, e con la conduzione dell’archeologo Hermann Salvadori, nell’ambito delle procedure di Archeologia Preventiva effettuate ai sensi dell’art. 25 del D. Lgs 50/2016, che consentono di effettuare controlli e scavi in occasione di lavori pubblici, al fine di evitare fermi dei lavori in corso d’opera e al tempo stesso di salvaguardare il nostro patrimonio archeologico. Il tratto identificato misura circa 15 x 5 m ed è realizzato con pietre (arenaria, calcare e, in misura minore ciottoli di fiume) sbozzate e squadrate, con una tessitura estremamente regolare, e si trova in corrispondenza del percorso della "Cassia Vetus", una delle principali vie consolari romane (insieme all'Aurelia e la Flaminia) che, partendo da Roma, attraversava la Toscana per continuare verso la zona settentrionale dell'Impero. La tecnica di costruzione del selciato e, soprattutto, le dimensioni e la morfologia dei blocchi che lo costituiscono fanno tuttavia escludere che il tratto individuato sia riferibile all'epoca romana; sembra piuttosto un rifacimento tardomedievale di un percorso viario che, sostanzialmente, venne utilizzato almeno dal II sec. a.C. Il tratto, che si trova al confine tra i territori comunali di Arezzo e Castiglion Fibocchi, verrà per il momento ricoperto per motivi di tutela; Soprintendenza e Amministrazioni comunali di Castiglion Fibocchi e Arezzo stanno valutando la possibilità di valorizzare il rinvenimento, in modo che gli sportivi e i turisti che spesso percorrono il tratto di strada che ancora oggi ricalca l’antica viabilità vengano a conoscenza di un pezzo di storia del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • Muore in moto a 51 anni: dramma alle porte della provincia di Arezzo. Era in viaggio col figlio

  • Miss Toscana a 17 anni, il teatro Petrarca, gli affetti. Anna Safroncik: "Vi racconto la mia Arezzo"

  • Pioggia di bonus in arrivo: sconti sulle cene al ristorante, scarpe, vestiti e arredi

  • Altri nove positivi in provincia di Arezzo: per lo più giovani e giovanissimi rientrati da Grecia, India e Romania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento