Sabato, 19 Giugno 2021
Attualità

Acqua, luce e gas: uno sciopero in difesa della natura pubblica dei servizi

Il sindacato in difesa dei posti di lavoro e della qualità dei servizi per i cittadini

Gli scioperi non sono mai ordinari ma quello del 17 dicembre dei lavoratori impegnati in elettricità, gas e acqua, lo sarà ancora di meno.

Le motivazioni dei sindacati Filctem Cgil,  Femca Cisl, Flaei Cisl e Uiltec Uil? Alcune modifiche legislative approvate o in fase di discussione  che, nei fatti, mettono a rischio la gestione pubblica di questi servizi e i posti di lavoro  di quasi 70.000 dipendenti. 400 di questi sono nella provincia di Arezzo, distribuiti  tra  Enel Distribuzione, Centria, Nuove Acque, Publiacqua e Toscana Energia.    

Le Linee Guida ANAC sull' applicazione dell’art.177, comma 1, del “Codice degli Appalti” (obbligo per i concessionari di servizi pubblici che non siano stati selezionati con "gara” di esternalizzare una quota pari all’80 per centro dei contratti di lavori, servizi e forniture relativi alle concessioni),  comporterà, secondo la Filctem Cgil di Arezzo, "la radicale trasformazione delle aziende che gestiscono la distribuzione dell’energia elettrica e del gas metano in Italia in semplici stazioni appaltanti. In questo modo avremo dall’aprile 2019  una sostanziale privatizzazione  di questi servizi a favore delle aziende appaltatrici  e siamo seriamente preoccupati per  il posto di lavoro di moltissimi dipendenti  nonché per la qualità e la sicurezza dei servizi e dei lavoratori”.

Novità anche per quanto riguarda la gestione integrata del servizio idrico:  “la proposta di legge Daga attualmente in discussione in parlamento  non contempla  la tutela del personale. E quanto parliamo di tutela – specifica Filctem Cgil – non intendiamo solo il posto di lavoro ma anche l’insieme dei diritti salariali, contributivi e contrattuali. Non siamo di fronte ad una trasformazione che guarda avanti ma indietro. In Toscana non avremmo più 6 aziende ma probabilmente 10 con rischi evidenti di minori risorse finanziarie per gli investimenti in strutture, impianti, tecnologia. Un unico risultato sarebbe certo: la moltiplicazione dei Consigli d’amministrazione, dei Presidenti, dei Direttori”.

Quindi tutela dei posti di lavoro e della qualità e sicurezza di servizi pubblici fondamentali per la qualità della vita dei cittadini e per lo sviluppo economico del paese questo il filo rosso che accomuna i diversi settori chiamati a scioperare

“Deve essere chiaro inoltre – conclude la Filctem Cgil di Arezzo – che da sempre sosteniamo il rispetto dell’esito referendario del 2011. Non in una prospettiva ideologica ma di qualità del servizio e di affermazione degli interessi dei cittadini e dei lavoratori. La dimensione delle aziende prevista dalla legge  non sarebbe in grado  di garantire  né gli investimenti  necessari  per dare acqua buona di qualità  ai cittadini né l’occupazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua, luce e gas: uno sciopero in difesa della natura pubblica dei servizi

ArezzoNotizie è in caricamento