rotate-mobile
Attualità

Arezzo perde il treno europeo dello scalo merci. Saltano 8 milioni per la New Public Library

La Regione Toscana ha scelto dieci progetti da inserire nella manifestazione d'interesse per il fondo Fesr, ma non c'è quello aretino. Bocciato anche il piano presentato da Subbiano, Civitella, Capolona e Castiglion Fibocchi. Sì a San Giovanni Valdarno

Arezzo resta fuori dal lotto dei dieci progetti regionali di rigenerazione urbana selezionati nella manifestazione di interesse, che si è chiusa il 31 marzo scorso, per l’ammissione al programma europeo Fesr, ovvero il Fondo europeo di sviluppo regionale 2021-2027. Il Comune aveva presentato un piano per la riqualificazione dell'ex scalo merci di Arezzo, un'area contigua alla ferrovia che si affaccia su viale Piero della Francesca: lì sarebbe dovuta sorgere la "New Public Library", una biblioteca pubblica moderna, centro non solo di cultura ma anche di intrattenimento, socialità e relax. Un impianto urbanistico di concezione nuova, con un impegno di spesa complessiva da quasi 10 milioni (9.707.500 euro). Se il progetto fosse stato finanziato, avrebbe ricevuto dall'Europa circa l'80% dell'importo, quasi 8 milioni (7.766.000 euro), ulteriormente incrementabili rispettando determinati parametri di sostenibilità. A questo punto, l'amministrazione dovrà trovare un'altra maniera per ottenere i fondi per la realizzazione di un progetto così importante e oneroso.

Cosa è la New Public Library

Così il primo cittadino di Arezzo Alessandro Ghinelli parlava in campagna elettorale a proposito della futura New Public Library: "Un parco lineare sui modelli presenti in altre città europee, dove trascorrere il tempo libero, un luogo multifunzionale che alla base ha una biblioteca, dove scambiare opinioni, portare i bambini a giocare al kinder garden, servito da internet con banda larga, dove leggere i giornali, bersi un caffè, stare nel verde, oppure utilizzare gli spazi dedicati a fitness e wellness. Si tratta di fabbricati bassi che non disturbano dotati anche di una piscina e una modesta area commerciale che si completa con il vecchio magazzino dove allestire uno spazio espositivo per eventi dedicati alla moda".

Avevano partecipato tre progetti aretini

In provincia di Arezzo sono tre i progetti che avevano partecipato alla manifestazione d'interesse regionale. Oltre a quello di Arezzo, c'erano anche quello di San Giovanni Valdarno e quello collettivo dei comuni di Subbiano, Civitella in Valdichiana, Capolona e Castiglion Fibocchi. Il primo è riuscito a rientrare nel novero dei progetti selezionati, finendo quinto nella graduatoria toscana con un punteggio di 75, a pari merito con Prato. Meglio avevano fatto solo Follonica (prima con 80), Siena (78), Poggibonsi (77), Lucca (76). Arezzo ha ottenuto un punteggio di 48, al pari di Montecatini Terme, finendo al 33esimo posto su 46. Subbiano, Civitella in Valdichiana, Capolona e Castiglion Fibocchi avevano invece candidato il progetto "Rigenerazione integrata per strutture pubbliche e servizi nei Comuni periferici della città di Arezzo", che ha ottenuto un punteggio di 40, finendo al 42esimo posto.

Fesr, come funziona l'erogazione dei fondi

Le idee progettuali selezionate dalla Regione Toscana per il fondo Fesr entrano a far parte della proposta complessiva del Programma regionale che viene trasmessa nei alla Commissione Europea. "Le 10 candidature, che vedono coinvolti 15 Comuni, risultano finanziabili - spiega la Regione - per un importo complessivo di 61 milioni di euro, dai 7 agli 8 milioni a progetto. Una quota che potrà essere ancora incrementata grazie alla componente green delle iniziative di sviluppo urbano sostenibile". La manifestazione di interesse non determina in automatico l'assegnazione di risorse, ma comunque l'inserimento di un percorso. Le strategie territoriali verranno successivamente sviluppate con il coinvolgimento della Regione Toscana e dei Comuni selezionati, in parallelo al percorso di elaborazione e definizione del Programma regionale e del negoziato con la Commissione europea.

Quali sono i progetti e i Comuni selezionati

I progetti selezionati sono: rigenerazione urbana Area Ilva a Follonica (Gr); riqualificazione area urbana e rigenerazione socio-culturale del Parco delle Mura di Siena; ABCura di Poggibonsi (Si); quartieri social a Lucca; rigenerazione del polo teatrale del Fabbricone a Prato; tra natura e cultura a San Giovanni Valdarno (Ar); hangar creativi a Livorno; vivere il territorio: un nuovo modo di abitare tra Monteroni d’Arbia, Rapolano Terme, Castellina in Chianti (Si); rigenerazione urbana del Complesso San Salvi a Firenze; ecosistema culturale Valdera nord Monte pisano a Calcinaia, Bientina, Buti, Vicopisano (Pi).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arezzo perde il treno europeo dello scalo merci. Saltano 8 milioni per la New Public Library

ArezzoNotizie è in caricamento