Venerdì, 12 Luglio 2024
Attualità Bibbiena

VIDEO | Da Arezzo alla Sardegna in treno e nave. Baraclit: "Tolti dalle strade 600 camion"

È grazie alla sinergia tra l'azienda casentinese, ferrovie e Grendi che i prodotti di grandi dimensioni in calcestruzzo destinati alla grande isola raggiungono la destinazione quasi senza i tir

Una vera e propria staffetta dove i prodotti in calcestruzzo di grandi dimensioni raggiungono la propria destinazione viaggiando prima in treno, poi in nave e infine su appositi camion. Parte da Arezzo quella che il gruppo Ferrovie dello Stato ha definito "una nuova sinergia ferro-gomma-mare" utile al trasporto di componenti per l'edilizia di grandi dimensioni o, per semplificare, i cosiddetti "carichi speciali".

Un'organizzazione che vede come capofila la ditta casentinese Baraclit insieme al polo logistica del Gruppo FS e il Gruppo Grendi. Una sinergia che ha consentito, per la prima volta in Italia, ai prodotti di calcestruzzo di viaggiare prima in treno, poi di raggiungere la Sardegna con un trasporto marittimo nazionale e, infine, raggiungere la destinazione con consegna camionistica di ultimo miglio. "Una combinazione - affermano da FS - che ottimizza la resa e minimizza al massimo possibile l’impatto ambientale".

Il viaggio dei grandi prodotti in calcestruzzo della Baraclit

I prodotti in calcestruzzo realizzato da Baraclit nel suo stabilimento di Bibbiena vengono infatti caricati sul treno direttamente in fabbrica e, grazie a Mercitalia Rail, raggiungono in poche ore il porto di Marina di Carrara. Una modalità che permette di togliere dalle strade della Toscana 600 camion e, secondo le stime di calcolo del Polo Logistica, evitare l’emissione di circa 210 tonnellate di CO2 rispetto al trasporto con mezzo pesante su strada.

Il carico, posizionato su apposite cassette, viene imbarcato da Grendi sulla propria nave diretta a Cagliari dove il materiale, una volta sbarcato, viene stoccato e, infine, trasferito su camion per gli ultimi chilometri, raggiungendo la destinazione finale di Elmas per la realizzazione di un centro commerciale.

"Con questo progetto l’efficienza operativa ed economica sposa le sostenibilità in termini di diminuzione dell’impatto ambientale dimostrando che sia possibile perseguire questi obbiettivi in modo sinergico - concludono da FS - Un esempio virtuoso di mobilità mista, unico nel suo genere, per sviluppare una rete intermodale a basse emissioni, in linea con gli obiettivi sostenibili delle tre aziende".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VIDEO | Da Arezzo alla Sardegna in treno e nave. Baraclit: "Tolti dalle strade 600 camion"
ArezzoNotizie è in caricamento