Sansepolcro: il premio Nonviolenza a padre Paolo Dall'Oglio, rapito in Siria nel 2013

L’associazione Cultura della Pace e il Comune di Sansepolcro, Città della Cultura della Pace, informano con grande emozione e soddisfazione che il Comitato Scientifico del Premio Nazionale “Nonviolenza”, ha deciso di conferire tale onoreficenza...

L’associazione Cultura della Pace e il Comune di Sansepolcro, Città della Cultura della Pace, informano con grande emozione e soddisfazione che il Comitato Scientifico del Premio Nazionale “Nonviolenza”, ha deciso di conferire tale onoreficenza, in occasione dell'Anno Giubilare della Misericordia, a padre Paolo Dall'Oglio, gesuita, missionario per il dialogo interreligioso, si pensa rapito a Raqqa (Siria) il 29 Luglio 2013.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il premio, che ogni due anni viene destinato a personaggi che si sono distinti per la loro opera nonviolenta in favore della costruzione di una società equa, solidale e rispettosa delle differenze, è stato assegnato a Padre Paolo Dall'Oglio per la sua infaticabile opera di dialogo e di accoglienza nei confronti dell'Altro, del prossimo e del diverso, riconoscendo in ogni uomo la dignità e la preziosità di ogni essere vivente.

Attraverso la sua opera presso il Monastero di Deir Mar Musa, Padre Paolo ha svolto un lavoro capace di tessere relazioni autenticanti all'interno della società siriana, realizzando concretamente il dialogo e la reciproca accettazione, oggi messe a dura prova dall'intolleranza e dalla violenza. Il rapimento di Padre Paolo ha interrotto solo momentaneamente, un lavoro che speriamo torni ad essere presente per la ricostruzione di una società e di un vivere quotidiano e comune necessari alla stessa sopravvivenza del consesso umano. Nessuna violenza potrà recidere, né far dimenticare, il legame che Padre Paolo Dall'Oglio ha costruito durante la sua quasi trentennale esperienza di missionario e di operatore di pace. E' stato deciso di assegnare questa onoreficenza in occasione dell'Anno giubilare della Misericordia, perché proprio la misericordia è la base della giustizia sociale: il far vibrare le corde del cuore è condizione necessaria ed indispensabile per poter aiutare l'Altro con risultati reali e duraturi. Si informa inoltre che venerdì 29 luglio 2016 alle ore 19,30 nella Parrocchia di S. Giuseppe in Via Francesco Redi 1 a Roma (Via Nomentana) verrà celebrata una messa per Padre Paolo Dall'Oglio, per tutte le persone rapite e per tutte le vittime della violenza e dell'odio in Siria, in tutto il Medio Oriente, in Europa e nel Mondo intero (www.paolodalloglio.net).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento