Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità

Sanitari aretini no vax: stretta finale. "Saranno sospesi senza stipendio"

Domani vertice tra Regione Toscana e ordini professionali sul tema. Sono attesi i numeri definitivi di chi non si è ancora vaccinato (senza un motivo valido), poi scatteranno le lettere di sospensione. Le parole di LOrenzo Droandi (Ordine dei medici) e Giovanni Grasso (Ordine infermieri)

Con un po' di ritardo rispetto all'iniziale tabella di marcia, si sta precedendo in questi giorni a stringere il cerchio sui sanitari che non si sono ancora vaccinati. Regione Toscana, le tre Asl di area vasta e gli ordini professionali interessati stanno accelerando gli scambi di informazioni per arrivare a un risultato entro settembre: quello, come prevede la legge, della sospensione dall'ordine di riferimento (e quindi dal lavoro) del professionista che non è stato sottoposto a somministrazione del siero anti Covid.

Domani, venerdì 27 agosto, è in programma un incontro online tra rappresentanti regionali, che stanno tirando le fila dei numeri riguardo al personale non vaccinato, e ordini professionali. Ci saranno i presidenti degli ordini dei medici, delle professioni infermieristiche, dei tecnici sanitari, degli ostetrici, degli psicologi. Anche quelli della provincia di Arezzo. Si farà il punto sulla situazione, sulle tempistiche della sospensione, sulle rispettive responsabilità nelle comunicazioni. Forse ci sarà un quadro più chiaro sui numeri dei sanitari non ancora vaccinati, provincia per provincia. Rispetto allo scorso giugno la situazione, per quanto riguarda l'area vasta Toscana Sud Est (Arezzo, Siena e Grosseto), è drasticamente mutata. Si è passati da circa 5mila persone non vaccinate in ambito sanitario lo scorso giugno a 1.000, comprendendo sia il personale della Asl, che i lavoratori della sanità privata. Ad inizio agosto, nella sola sanità pubblica, c'erano oltre 100 professionisti non vaccinati di Arezzo e provincia. Ma le lettere di richiamo che sono partite in estate verosimilmente hanno spinto in molti alla vaccinazione. 

Se nell'Aretino c'è ancora qualche giorno di tempo prima che vengano presi provvedimenti, nell'area vasta Centro sono già scattate le prime sospensioni: 110 per l'esattezza, 68 infermieri, 19 tecnici, 10 ostetrici, 7 medici. "Ad Arezzo - puntualizza il presidente dell'Ordine dei medici Lorenzo Droandi - non è ancora avvenuta alcuna sospensione, perché stiamo aspettando comunicazioni. Si sarebbe dovuto procedere da tempo, ma ancora nulla".

Ma l'obiettivo della Rgione è stringere ed evitare ulteriori dilazioni. Pertanto le sospensioni potrebbero a breve essere realtà ad Arezzo, sia nella Asl Toscana Sud Est che in ambito privato. La deadline per le comunicazioni definitive, con l'elenco dei sanitari no vax (o comunque non vaccinati senza adeguata motivazione di salute) dovrebbe essere stata individuata nel 31 agosto. "La sospensione dall'Ordine implica lo stop dal lavoro senza stipendio - puntualizza il presidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche di Arezzo Giovanni Grasso -. Dalla prossima settimana siamo pronti a sospendere tutti gli infermieri aretini che non saranno in regola".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanitari aretini no vax: stretta finale. "Saranno sospesi senza stipendio"

ArezzoNotizie è in caricamento