rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

Rivalutazione pensione rinviata a febbraio, slitta adesso a marzo

“I soldi delle pensioni sono un esempio della considerazione che questo Paese ha nei confronti degli anziani" ha detto Gambineri

Pochi, maledetti e in ritardo.

“I soldi delle pensioni sono un esempio della considerazione che questo Paese ha nei confronti degli anziani – commenta Giancarlo Gambineri, segretario provinciale Spi Cgil. Gli aumenti previsti dal 1 gennaio 2023 erano inizialmente slittati a febbraio. Adesso, e la notizia è dell’Inps, un ulteriore rinvio a marzo. Il motivo? L’Inps non ha avuto tempo di adeguare le pensioni con il nuovo calcolo previsto dalla legge di bilancio 2023, approvata lo scorso 29 dicembre. Ricordiamo, per completare il quadro che è stata tagliata la rivalutazione delle pensioni pari a 2.101 euro lordi che, al netto, è certamente una buona pensione ma non tale, per una coppia di anziani, di vivere senza problemi”.

L’Inps ha chiarito che gli aumenti di gennaio e febbraio verranno comunque erogati anche se in ritardo. “Ci sembra il minimo – conclude Gambineri. Si tratta del semplice rispetto della legge. Rimane il fatto che l’Inps sembra avere bisogno di un periodo tra 2 e 3 mesi per rifare i calcoli. E che questi tempi lunghi vengono pagati dai pensionati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivalutazione pensione rinviata a febbraio, slitta adesso a marzo

ArezzoNotizie è in caricamento