rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità Corso Italia, 7

Il ristorante La Pieve: "Domani sera non apriremo contro la legge. Rispettare le regole non è da deboli"

Il post su facebook del locale di Corso Italia: "Viviamo un momento di grande difficoltà, le spese sono tante, le entrate poche. Me è opportuno non gettare altra benzina sul fuoco. Restiamo come molti altri che non lo dicono in attesa delle decisioni e a tempo debito ne vedremo le conseguenze"

Si è parlato dell'iniziativa #IoApro, con la sfida che alcuni locali domani, 15 gennaio, lanceranno al Governo, contravvenendo alle regole imposte per la limitazione della diffusione dei contagi Covid, aprendo di sera. Iniziativa su cui si è espressa anche la Confcommercio, sconsigliando ai titolari di aderire.

Sul tema arriva la netta presa di posizione di uno dei locali più famosi del centro storico di Arezzo: il ristorante La Pieve di Corso Italia 7: "Vogliamo dedicare qualche riga - si legge su facebook - per spiegare il nostro punto di vista sulle tante, troppe parole che si sentono negli ultimi giorni. Il ristorante La Pieve e il suo staff non aderiranno ad alcun tipo di facinorosa ed eclatante protesta di apertura serale, le nostre motivazioni sono anzi tutto volte alla salvaguardia della nostra salute e quella di tutti i nostri clienti che, come immaginiamo conoscendoli, non correrebbero mai il rischio di incappare in sanzioni o peggio essere colpiti da questo terribile virus per andare fuori a cena".

Nel post i gestori aggiungono: "Viviamo un momento di grande, grandissima difficoltà, le spese sono tante, le entrate poche ma crediamo sia opportuno non gettare altra benzina sul fuoco. Restiamo come molti altri che non lo dicono in attesa delle decisioni e a tempo debito ne vedremo le conseguenze. Non abbiamo gli strumenti per giudicare l’operato di nessun altro, salvo che si tratti di accoglienza e ristorazione ed in un momento dove sembra che rispettare le regole sia 'da deboli' o 'da sottomessi' scegliamo di farlo e dirlo con la testa alta. Con la speranza che questo post possa ispirare altre persone, vi salutiamo tutti con l’auguri di tornare a mangiare, brindare, ridere e abbracciarci di nuovo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ristorante La Pieve: "Domani sera non apriremo contro la legge. Rispettare le regole non è da deboli"

ArezzoNotizie è in caricamento