Bekaert, il sindaco scrive una lettera ai lavoratori: "Per il rilancio serve gruppo industriale forte"

Il primo cittadino di Cavriglia ha risposto alla richiesta di aiuto dei dipendenti dello stabilimento di Figline Valdarno

Il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl'Innocenti o Sanni insieme alla giunta comunale ha risposto alla lettera dei lavoratori dello stabilimento Bekaert di Figline Valdarno che gli hanno rinnovato la loro richiesta di aiuto dopo anni di battaglia per il mantenimento del proprio posto di lavoro e il rilancio dell'azienda.

Bekaert, il progetto di ripartenza presentato da Steelcoop Valdarno
 

La lettera

"Carissimi Lavoratori, abbiamo ricevuto la vostra lettera proprio oggi, un giorno storico per il mondo del lavoro in Italia, cinquantesimo anniversario dello Statuto dei Lavoratori, una grandissima conquista per la nostra civiltà del ‘900 dopo almeno 30 anni di lotte, sfruttamenti, battaglie e sofferenze. Statuto che troppe volte nel corso degli ultimi anni è stato bistrattato e vilipeso. 

Proprio oggi leggiamo con viva emozione e profondo dispiacere le vostre parole, la vostra richiesta di aiuto, il vostro senso di smarrimento e la vostra sofferenza dopo anni di battaglia per mantenere il proprio posto di lavoro e per rilanciare il sito industriale Bekaert di Figline Valdarno.

Sapete bene che come giunta abbiamo sempre supportato la vostra causa, come ultimo atto, pochi mesi fa, scrivemmo al Ministero del Lavoro dopo aver approvato un ordine del giorno per attivarci con ogni mezzo a disposizione nei confronti del governo, affinché venisse concessa la proroga della cassa integrazione a tutti voi 178 lavoratori e venisse ritirata la procedura di licenziamento. Non ci siamo mai tirati indietro.

Nel corso di questi mesi, nonostante la delicatissima e drammatica situazione che ci siamo trovati a gestire con il Covid19, non abbiamo mai smesso di seguire anche la vostra vertenza ed i suoi relativi sviluppi.

Siamo a conoscenza che la cooperativa di lavoratori "Steel Coop" sorta con l’impulso di rilanciare il sito ha recentemente presentato un piano di ripartenza che potrebbe riassorbire molti lavoratori. 

Un’ipotesi importante e costruttiva, che apprezziamo e sosteniamo.

Restiamo comunque convinti che, come previsto anche dall’accordo dello scorso 3 ottobre 2018 al Ministero del Lavoro, per rilanciare davvero con grande impulso la reindistrializzazione del sito di Figline, vista la complessità del mercato internazionale in questione, sia necessaria probabilmente la ricerca di gruppi industriali forti e competenti di lavorazioni interne e dei mercati esteri, che effettuino una politica di rilancio di ampio respiro che garantisca una lunga vita al sito e il posto di lavoro a tutti i dipendenti attuali. Per questo, come abbiamo sempre fatto per tutti i lavoratori, in nome della tutela e del rispetto di tutti e 178 posti di lavoro, ci mettiamo a vostra disposizione per qualsiasi iniziativa intendiate mettere in atto e ci adopereremo fin da subito per affiancarvi nella ricerca di soluzioni adeguate che riportino il sito figlinese sui livelli di mercato che merita, garantendo posti di lavoro e dignità a voi ed alle vostre famiglie, che non meritate di aspettare un solo minuto di più per conoscere il vostro futuro professionale. 

Cavriglia è stata, è e sarà sempre al vostro fianco". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento