rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Attualità

Fraternita risponde a Donati: "Venga lui stesso a vedere, lo aspettiamo"

Oggi l'ultima risposta con tanto di invito al consigliere a incontrare il rettore Pier Luigi Rossi e il Magistrato

Continua il botta e risposta tra il consigliere di Scelgo Arezzo Marco Donati e la Fraternita dei Laici sulla situazione economico finanziaria dell'ente. 

Le tappe precedenti hanno visto Donati chiedere conto attraverso un'interrogazione della lettera di messa in mora inviata dalla Fraternita al Comune di Arezzo. Da qui la risposta dell'ente guidato da Pier Luigi Rossi: “Situazione contabile sana, anzi florida”.

Una volta letto il bialncio Donati ha rilanciato: “La Fraternita è in perdita di 81.000 euro. Il sindaco chiarisca".

Oggi l'ultima risposta con tanto di invito al consigliere a incontrare il rettore Pier Luigi Rossi e il Magistrato.

"Ad oggi la Fraternita dei Laici nel suo bilancio 2021 ha fondi riserva per oltre per oltre 1,5 milioni di euro, ha circa un milione di euro sui conti correnti bancari, oltre al valore inestimabile di tutto il patrimonio immobiliare. Nella lettura dei dilanci, come sicuramente il consigliere Donati sa bene, il dato finale non deve essere l’unico elemento da prendere in considerazione per comprendere le motivazioni di un risultato, magari negativo. Vanno studiate tutte le voci che compongono l’elaborato, assieme alle relazioni degli amministratori e dell’organo di controllo che vanno a certificare la gestione di una intera annata.

Si può fare ricorso alla vendita di piccole parti di detto patrimonio di scarso valore economico per poi reinvestire il denaro realizzato nella ristrutturazione di altri beni immobili che in futuro produrranno sicuramente reddito: il bellissimo casolare a Castiglion Fibocchi denominato “Il Poggiale” ne è un chiarissimo esempio, casa leopoldina da tre Premi Oscar con il film “La vita è bella”. Nonostante il periodo di emergenza sanitaria Covid, il Palazzo di Fraternita è rimasto sempre aperto, pur non avendo avuto entrate per il suo museo. L’attività didattica, sempre causa Covid, è rimasta bloccata per tantissimo tempo. Da un attento esame del Bilancio 2021 si possono leggere  tutte le attività, comprese quelle prive di ritorno economico ma realizzate ad esclusivo vantaggio della comunità cittadina, che la più antica Istituzione aretina sta organizzando o ha in corso di realizzazione nei prossimi mesi. A tutto ciò va aggiunta la presenza importante sul mercato italiano e su quello internazionale dei prodotti agro-alimentari delle Tenute di Fraternita, che anche quest’anno ha sviluppato un bilancio positivo nonostante i gravissimi problemi, anche di natura atmosferica, che si sono dovuti affrontare. Per tutti questi motivi il Primo Rettore Pier Luigi Rossi e il Magistrato della Fraternita dei Laici sarebbero ben lieti di incontrare il consigliere Donati, per illustrargli le molteplici attività sociali, didattiche, culturali che fanno capo all’ente e che sono connotate dalla volontà di lavorare a favore della città di Arezzo e dei suoi abitanti."

                           

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fraternita risponde a Donati: "Venga lui stesso a vedere, lo aspettiamo"

ArezzoNotizie è in caricamento