#RiparteCavriglia. Aiuti alle imprese e famiglie: così la fase 2

Il comune ha emesso provvedimenti straordinari in sostegno di famiglie, imprese e liberi professionisti colpiti dalla crisi causata dall'emergenza Covid-19

Per fronteggiare l'emergenza sanitaria Covid-19, l'amministrazione comunale di Cavriglia ha formalizzato un progetto straordinario di sostegno all'intera comunità, chiamato “#RiparteCavriglia” con l’obiettivo di sostenere famiglie, imprese e liberi professionisti del territorio.

Per le famiglie è prevista la rimodulazione della Tari 2020 da due a tre rate, con pagamenti da effettuare rispettivamente entro fine settembre 2020, dicembre 2020 e febbraio 2021. Sono annullati inoltre tutti i pagamenti delle rette degli asili nido comunali dal 5 marzo scorso fino al giorno di riattivazione del servizio, mentre saranno rimborsati i moduli ad ore degli stessi plessi già pagati e non consumati, esattamente come le quote relative al servizio di trasporto scolastico inerenti i mesi di lockdown. I residui delle ricariche mensa già pagati infine saranno validi il prossimo anno scolastico con il rimborso previsto per gli alunni di quinta delle scuole primarie.

Per le attività commerciali e turistiche, gli artigiani e i liberi professionisti sono previsti riconoscimenti altrettanto importanti di tipo economico. Anche per loro la Tari sarà rimodulata su tre rate con le stesse scadenze delle famiglie ed una riduzione globale del 25% per la tariffa della tassa sui rifiuti, con esenzione per due trimestri della Cosap, la tassa per l'occupazione del suolo pubblico. La tassa di soggiorno vedrà invece una riduzione del 30 per cento mentre è stanziato un contributo per il pagamento degli affitti nella misura massima del 40% per i mesi da marzo a maggio 2020.

Sotto osservazione anche l'edilizia con il differimento di tre mesi per gli oneri di urbanizzazione dovuti fino a maggio, l'allungamento delle scadenze delle rateizzazione fino a 36 mesi per gli stessi oneri e infine la riduzione dell'IMU sulle aree edificabili del 35%.

“Il nome #RiparteCavriglia rappresenta la nostra volontà e la nostra speranza - spiega il sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni - Sappiamo le difficoltà che vivono tutti i nostri cittadini e queste misure di sostegno e supporto sono doverose per permettere alla comunità di limitare i danni economici che il Coronavirus sta portando. Sono misure straordinarie,ma ovviamente qualora venissero adottati provvedimenti legislativi nazionali o regionali che dispongano misure analoghe a sostegno di queste categorie, le agevolazioni del comune di Cavriglia saranno erogate fino a concorrenza massima del beneficio previsto. Proprio dunque nei primi giorni della fase due italiana, ecco le nostre decisioni: ripartiamo tutti, insieme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento