Attualità

"No al rinnovo della concessione di Publiacqua". Anche il comitato Vittime di Podere Rota si schiera

L'appello a sostegno del  comitato “Acqua bene comune”

Il comitato “Le Vittime di podere Rota”, a sostegno del  comitato “Acqua bene comune”  rinnova l’appello a tutti i sindaci  del Valdarno,  e comunque a tutte le forze politiche del territorio,  affinché  Il 4 dicembre, nella conferenza di ATO 3 si oppongano alla proposta di proroga della concessione del servizio idrico a Publiacqua che ha la concessione in scadenza nel 2021.

Apprendiamo che i sindaci del Valdarno - si legge in una nota - pur appartenendo molti allo stesso partito (PD), non si esprimeranno in maniera compatta contro tale proroga, San Giovanni e Figline si sono già espressi al rinnovo automatico della concessione del servizio a Publiacqua SpA senza nemmeno passare dal consiglio comunale e confrontarsi con i cittadini con sedute aperte alla cittadinanza, come invece era stato pattuito con mozioni precedentemente presentate e approvate in consiglio . 

Come Comitato “Le Vittime di Podere Rota” esprimiamo la nostra profonda delusione e disappunto nei confronti dei comuni che, cedendo ai ricatti delle tariffe e delle emergenze, avallano scelte scellerate di un sistema che, nell’acqua come e nei rifiuti , non portano nessun miglioramento e beneficio al territorio, ma accrescono solo l’interesse del gestore privato e gli utili di certi comuni. .

Il sistema pubblico/privato adottato nella gestione dei servizi della nostra regione, ha fallito gli obiettivi per cui era nato (più servizi ; minor costo), in Toscana, alle tariffe sull’acqua e sui rifiuti fra le più care d’Italia, non corrispondono servizi di pari livello e non si raggiungono gli obiettivi stabiliti

Ribadiamo la necessità della modifica della legge regionale 69 che riguarda la gestione del servizio idrico e dei rifiuti e di un’alternativa a questo schema misto pubblico-privato, frutto di intese tra politica, grandi multi-utilities e mondo della finanza”, troppo lontano dalle esigenze e dai bisogni dei cittadini.

Ci  appelliamo a tutti quindi a tutti i sindaci e a tutte le forze politiche del territorio affinchè  si adoperino da subito ,  compatti, a trovare alternative virtuose per la gestione dell’acqua e  la data di  chiusura della discarica di podere Rota, al 2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No al rinnovo della concessione di Publiacqua". Anche il comitato Vittime di Podere Rota si schiera

ArezzoNotizie è in caricamento