Rimborsi durante il lockdown, Rossi: "Proposta legge per recuperarli". De Robertis: "Somme da decurtare dalle prossime buste paga"

Nella seduta del Consiglio in programma oggi, 30 luglio, sarà presentata una proposta di legge contenente disposizioni per il recupero, dalle indennità mensili future dei consiglieri dell’attuale legislatura, della quota che è stata erroneamente corrisposta nel periodo di lockdown

Dopo la bufera sui rimborsi percepiti dai consiglieri regionali durante il periodo di lockdown, arriva una consistente presa di posizione da parte del Governatore della Regione Toscana Enrico Rossi e del presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani. Lo annuncia con una nota lo stesso ente, in cui spiega che Rossi e Giani "hanno concordato che nella seduta del Consiglio in programma oggi, 30 luglio, presenteranno una proposta di legge contenente disposizioni per la devoluzione dei rimborsi di indennità variabile per l’esercizio del mandato dei consiglieri regionali durante il periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19. La legge consentirà la trattenuta dei rimborsi corrisposti nei mesi di marzo e aprile, che dovranno successivamente essere destinati con delibera del Consiglio regionale a interventi di carattere sociale".

La vicenda è emersa alcuni giorni fa, quando la candidata pentastellata alla presidenza della Regione Irene Galletti con un post ha ricordato di aver restituito i rimborsi ricevuti e polemizzato sul fatto che i soldi erano stati erogati a tutti i consiglieri. Tra loro anche tre aretini, Lucia De Robertis e Simone Tartaro del Pd e Marco Casucci della Lega. 

Ed è stata la stessa De Robertis, ieri, a chiarire la posizione del Pd: "Attendevamo istruzioni sulle modalità di restituzione - ha scritto la vicepresidente del consiglio regionale sul suo profilo Facebook - ma oggi come consiglieri Pd abbiamo comunque firmato la delega irrevocabile a trattenerci il rimborso forfettario per i mesi di marzo e aprile, per chiudere definitivamente con le sterili polemiche "a cinque stelle". Somme che ci saranno decurtate dalla prossima busta paga e rimborsate integralmente al Consiglio Regionale
Ringrazio chi non ha dubitato, conoscendomi, del fatto che mai avrei trattenuto somme che moralmente è solo moralmente non mi spettavano; mai è accaduto nel mio percorso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Nuove regole allo studio per Natale e Capodanno: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Nuovi assetti bancari in provincia:18 filiali Ubi passano a Bper. Tra queste anche la sede storica di Banca Etruria

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento