Men/Go Music Fest rimandato a data da destinarsi. Gli organizzatori: "In cantiere un piano b"

"Le indicazioni sulla ripartenza degli eventi dal 15 giugno, parziale e limitata, ci hanno stimolato a trovare nuove idee, nuovi progetti e su questo stiamo lavorando"

Salta la 16esima edizione del Mengo Music Fest. L'annuncio è arrivato quest'oggi, venerdì 22 maggio, direttamente dal patron del festival, Paco Mengozzi, che ha reso ufficialmente pubblico l'annullamento della manifestazione in calendario per il prossimo luglio. 

"Abbiamo rimandato molte volte questa comunicazione - si legge nella nota inviata alla stampa - perché le cose brutte si prova ad evitarle, perché fanno male. E' arrivato il triste giorno in cui annunciamo ufficialmente che la 16° edizione del Men/Go Music Fest è rinviata a data da destinarsi. I decreti parlano chiaro: una manifestazione come la nostra, basata sulla socializzazione e la presenza di tantissime persone, tutte insieme, in uno spazio, a godersi la musica, l’atmosfera e la bellezza di un posto meraviglioso come Il Prato di Arezzo, al momento non è proprio possibile farla. Non è colpa di nessuno, è successo quello che tutti sappiamo e questo è un sacrificio che è giusto fare".

Dunque sarà un'estate più silenziosa e senza l'ormai consueto appuntamento al Prato anche se, a quanto pare, una soluzione alternativa potrebbe essere quanto mai prossima. "Non ci arrendiamo - continuano gli organizzatori - Non sappiamo quando la situazione sanitaria e le normative ci consentiranno di riprogrammare il nostro festival, ma state certi che, appena sarà possibile, noi ci saremo. Inoltre, le indicazioni sulla ripartenza degli eventi dal 15 giugno, parziale e limitata, ci hanno stimolato a trovare nuove idee, nuovi progetti e su questo stiamo lavorando. Ovviamente non sarà un’estate normale né potremo presentare una edizione normale del festival. Ma pensiamo sia molto importante dare un segnale. Vi faremo sapere quanto prima cosa riusciremo a fare, stiamo lavorando senza sosta con l'obiettivo di tenere viva anche questa estate aretina, insieme al Comune di Arezzo, alla Fondazione Arezzo Intour e alla Fondazione Guido D’Arezzo, oltre ai nostri sponsor e partner. Questa situazione passerà, e siamo sicuri che torneremo ad abbracciarci e a cantare tutti insieme, mano nella mano. Nonostante tutto la musica non si ferma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento