Attualità

Rifornimento acqua alle "casine": premiati i castiglionesi che le hanno usate di più

Menzione speciale ai fratelli Guerrini che nei mesi scorsi hanno ripulito la banchina stradale di fronte alla propria casa

Premiati i 10 castiglionesi che nel 2020 hanno utilizzato maggiormente i fontanelli. La consegna dell’omaggio, una ricarica da 20 euro per la loro card e una borsa con 6 bottiglie di vetro, si è svolta questa mattina alla Casina dell’Acqua di Villa Lovari. Questi i dati dei primi due anni di attività dei 4 fontanelli, Brolio, Manciano, Montecchio e via Adua, e della Casina dell’Acqua di Villa Lovari, dopo la sua ristrutturazione. Le card distribuite sono state circa 800 per oltre 3.000 i cittadini, oltre 500 le ricariche effettuate nel corso del 2020 e quasi 220mila litri di acqua erogati. Mediamente sono state risparmiate 100mila bottiglie di plastica. Da una disamina più approfondita del report emerge come i castiglionesi apprezzino di più l’acqua naturale rispetto a quella gassata. Infatti, i quantitativi erogati di quest’ultima sono circa la metà di quella naturale. I fontanelli più utilizzati sono quelli di Villa Lovari e di via Adua, ma quello di Brolio “doppia” quelli di Manciano e Montecchio a quantità di acqua attinta. “I 10 nuclei che vengono premiati per aver maggiormente utilizzato i fontanelli nel 2020 rappresentano una mappatura del territorio e lasciano auspicare che si possano istallare ulteriori strumenti di questa tipologia - afferma l’assessore all’ambiente Francesca Sebastiani - le azioni volte a costruire un approccio diffuso verso la riduzione dell’uso della plastica devono passare da investimenti strutturati e sostenibli, come quello dei fontanelli, che hanno offerto alla cittadinanza la possibilità di ridurre il consumo della plastica”.

La premiazione è stata anche l’occasione per dare un riconoscimento ai giovani fratelli Guerrini, Daniele e Filippo, che lo scorso ottobre ripulirono le banchine lungo la strada regionale 71 nei pressi della propria abitazione. “Con un minimo d’ impegno e di rispetto per l’ambiente ci siamo armati di guanti edi  sacchi e abbiamo ripulito il kilometro di strada di fronte a casa nostra. Se tutti facessimo così il mondo sarebbe più pulito” dicono all’unisono i due fratelli castiglionesi.

“Nonostante le difficoltà dell’anno 2020 abbiamo rilevato dei dati incoraggianti sulle azioni corrette e virtuose messe in atto dai castiglionesi. Questo ci stimola a strutturare progetti e iniziative volte alla tutela dell’ambiente che riguardino sia la riduzione della plastica sia il decoro urbano con la relativa corretta raccolta differenziata” conclude l’assessore Francesca Sebastiani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifornimento acqua alle "casine": premiati i castiglionesi che le hanno usate di più

ArezzoNotizie è in caricamento