Oltre 2 quintali di rifiuti abbandonati lungo la strada de “La Foce”. Ciclisti all'opera per ripulire l'area

“Rispetta i ciclisti, i ciclisti rispettano l’ambiente”. Dopo l’installazione dei cartelli, 15 ciclisti castiglionesi hanno dedicato alla natura la loro mattinata

A 15 giorni dall’installazione dei cartelli che invitano l’automobilista a “circolare con prudenza e a mantenere la distanza consigliata”, un gruppo di castiglionesi amanti delle due ruote ha deciso di dedicare la domenica mattina all’ambiente. Per una giornata hanno appeso al chiodo la bicicletta e, muniti di guanti e sacchi, hanno passato al setaccio i terreni lungo le strade dove sono stati posizionati i “cartelli rispetta ciclisti”, ovvero lungo la provinciale de “La Foce”.

In circa tre ore hanno raccolto oltre due quintali di rifiuti tra cui estintori, bombole di gas vuote e reti per i letti. La giornata ecologica dal titolo “Ripuliamo la Foce” è stata promossa dalla “Biblioteca del Ciclista” di Vittorio Landucci con il patrocinio del comune di Castiglion Fiorentino. “L’ambiente è a disposizione del ciclista tutto l’anno e per una volta il ciclista si è messo a disposizione dell’ambiente ripulendo il tratto di strada, valico della Foce e la Valle di Chio, che sta diventando sempre di più la meta preferita di ciclisti locali e non. Unendo le forze, con piacere abbiamo dedicato il nostro momento di svago alla natura” conclude Sauro Bartolini, consigliere comunale con la passione per la sport.

ciclisti-puliscono-foceIMG-20200531-WA0001-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento