rotate-mobile
Il caso

Continua la ricerca dei tamponi molecolari, Giani: "600 richieste al minuto"

Nella notte appena trascorsa il presidente della Regione ha monitorato l'andamento delle prenotazioni e riscontrato un flusso di richieste altissimo

La prenotazione del tampone molecolare è fondamentale per far partire la procedura di presa in carico di ogni positivo dal servizio sanitario. Perché è il suo risultato che è considerato valido per far scattare le quarantene dei contatti stretti e anche per tutti gli altri aspetti collegati. Da quando anche nel territorio aretino si è vista l'impennata dei casi questo sistema non è riuscito a stare al passo con le richieste. Tantissime le segnalazioni che sono arrivate da chi, positivo a un test antigenico rapido, ha cercato per ore, notte e giorno, di prenotare il molecolare. E slittanto alcuni giorni è ovvio che si allungano i tempi di comunicazione delle quarantene e potrebbero divenare troppo lunghi i tempi utili per l'utilizzo degli anticorpi monoclonali nei casi in cui sarebbero previsti. Di questo è stato interessato il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, i sindaci aretini hanno scritto anche all'Asl per trovare una soluzione. La direzione aziendale stessa ha interessato la Regione per riprogrammare un servizio rafforzato. 

Questa notte si è ripetuta la solita scena, apertura dei nuovi posti per i tamponi a mezzanotte e centinaia di richieste contemporanee per la prenotazione. Alle 2 di notte anche il presidente della Regione Toscana Giani ha mandato un aggiornamento dando una spiegazione di quanto stesse accadendo:

"Sto monitorando la situazione sul portale prenotatampone, che sta registrando un traffico di oltre 600 persone al minuto. Nella sola giornata del 27 dicembre sono state emesse quasi 60 mila prescrizioni per tampone. Le Aziende Sanitarie della Toscana negli ultimi giorni hanno dovuto fronteggiare una richiesta di tamponi molto rilevante, conseguenza anche del diffuso ricorso ai test antigenici in occasione delle festività da confermare con tampone. Ciò ha provocato un effetto a catena in tutta Italia e quindi anche in Toscana nonostante l’incremento degli appuntamenti e l’adozione di tutte le risposte possibili con il maggior numero di risorse disponibili. Le aziende sanitarie stanno provvedendo al rafforzamento dei test e del tracciamento."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continua la ricerca dei tamponi molecolari, Giani: "600 richieste al minuto"

ArezzoNotizie è in caricamento