Riaprono i Centri di raccolta di Arezzo. Le regole di Sei Toscana

Da giovedì 21 maggio riapre il centro di raccolta di Mulinaccio che, in via straordinaria, sarà aperto al pubblico giovedì 21. A partire da lunedì 25 maggio riaprirà anche il centro di raccolta di Tramarino.

Dopo la temporanea chiusura determinata dall’emergenza sanitaria da Covid-19, Sei Toscana in ottemperanza alle disposizioni regionali, in accordo con Ato Toscana Sud e su richiesta dell’Amministrazione comunale di Arezzo è pronta a riaprire i centri di raccolta di Tramarino e Mulinaccio.

Da giovedì 21 maggio riapre il centro di raccolta di Mulinaccio che, in via straordinaria, sarà aperto al pubblico giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 maggio dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 19. Domenica 24 maggio dalle 8 alle 12.

A partire da lunedì 25 maggio riaprirà anche il centro di raccolta di Tramarino.

Da lunedì prossimo 25 maggio, i due centri di raccolta osserveranno i consueti orari di apertura ordinari. Tramarino sarà aperto lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8 alle 12. Martedì, giovedì, venerdì e domenica dalle 15 alle 19. Il sabato con orario continuato dalle 8 alle 19. Mulinaccio sarà aperto martedì, giovedì e sabato dalle 8 alle 12. Lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 15 alle 19.

Per garantire la massima sicurezza di operatori e cittadini nelle operazioni di accesso alle strutture e conferimento dei rifiuti è stato adottato un protocollo che dovrà essere scrupolosamente seguito da tutti gli utenti. I cittadini dovranno entrare uno alla volta così da garantire il distanziamento sociale indicato dalle disposizioni governative. All’interno dei centri di raccolta è obbligatorio indossare mascherina e guanti. L’accesso ai centri di raccolta è consentito a un solo veicolo per volta. Ogni utente deve attendere in fila il proprio turno di ingresso all’esterno della struttura, restando all’interno del proprio veicolo. Al fine di favorire un più celere conferimento è opportuno che, all’arrivo, i rifiuti siano già ordinati in base alla tipologia così da velocizzare tutte le operazioni di identificazione, pesatura e scarico. A richiesta dell’operatore di Sei Toscana, ogni utente deve comunicare le proprie generalità e/o fornire la tessera di identificazione; dichiarare la/le tipologie di rifiuto da conferire; indicare la quantità stimata dei rifiuti da conferire (stima in mᶟ o kg). Il conferimento dei rifiuti negli spazi indicati deve essere fatto evitando ogni tipo di contatto con l’operatore e mantenendo la distanza di sicurezza prevista dalle disposizioni nazionali e regionali. Una volta concluse le operazioni è obbligatorio rimanere all’interno del proprio veicolo per la firma del registro e per la consegna dei documenti.

Comune di Arezzo e Sei Toscana, scusandosi per eventuali attese che potrebbero verificarsi nel conferimento dei rifiuti a seguito delle procedure adottate - fondamentali per la salvaguardia e la sicurezza di tutti - invitano i cittadini, ove possibile, a programmare il conferimento dei rifiuti nelle prossime settimane così da evitare assembramenti nei primi giorni di riapertura delle strutture.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento