menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce la Rete dei Musei toscani per l’Alzheimer

In provincia di Arezzo hanno aderito due realtà: il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento di Montevarchi e il Museo delle Terre Nuove di San Giovanni Valdarno

Sono ventidue le istituzioni culturali toscane impegnate a rendere accessibile l'arte e la cultura alle persone malate di Alzheimer. Tutte queste realtà sono costituite in una Rete, supportata dalla Regione Toscana e che conta al suo interno oltre quaranta tra musei, biblioteche, orti botanici, spazi espositivi.

Mercoledì scorso a Palazzo Strozzi Sacrati si è fatto il punto su questa rete, e sulla sua esperienza decennale con una conferenza stampa cui hanno partecipato Serena Spinelli, assessora alle politiche sociali della Regione, Elena Pianea, della direzione beni, istituzioni e attività culturali della Regione e Cristina Bucci, del coordinamento musei toscani per l’Alzheimer.  

Nell’occasione è stato presentato il convegno on line dal titolo “Musei resilienti”, in programma domani, giovedì 25 marzo, nel corso del quale saranno raccontate  quattro importanti esperienze internazionali sul tema con ospiti collegati dagli Stati Uniti al Giappone passando per il nord Europa.

Ed è proprio all'iniziativa del convegno che è stato dedicato il messaggio inviato dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. 

“Giudico questo progetto di grande qualità e rilievo, come testimoniano le numerose adesioni da ogni parte del mondo e la qualità dei relatori che saranno presenti al seminario internazionale di giovedì 25 sui Musei resilienti, che offre l’esempio più tangibile di come sia appunto possibile resistere e reagire, superando le difficoltà . Ancora una volta la carta vincente è rappresentata dalla capacità della Toscana di fare squadra. E chi, se non noi, potevamo mettere al servizio di questo splendido progetto dal valore internazionale, il nostro eccezionale sistema museale. Un grazie a tutti coloro che lo hanno reso possibile”.

L’assessore Spinelli ha evidenziato il valore dell’esperienza della Rete dei Musei per l’Alzheimer: “Con questa lodevole iniziativa - ha detto - la Toscana mette una parte del suo vasto patrimonio museale a disposizione delle persone colpite da Alzheimer e, ancora una volta, fa rete. E la fa attraverso un progetto di sostegno ad una parte fragile della sua popolazione, nell’intento di combatterne l’isolamento e di offrire loro stimoli importanti.
L’augurio è che siano in molti a cogliere questa opportunità per giungere alla quale i nostri uffici, che ringrazio, hanno ben lavorato e ben progettato. Il convegno online sui Musei resilienti, che vede la partecipazione di numerosi ospiti internazionali, ai quali va il mio ringraziamento, rappresenta una grande occasione per fare il punto sulle attività analoghe svolte da parte di prestigiosi musei di tutto il mondo".

In quest’anno di pandemia la rete dei musei per l’Alzheimer ha operato a distanza, continuando a sviluppare nuove modalità per rimanere in contatto con i destinatari delle sue proposte, e offrendo comunque stimoli e progettualità.

Il convegno Musei Resilienti – Resilient Museums vuole affermare il ruolo propulsivo dei musei nella creazione di una comunità solidale e amichevole nei confronti delle persone che vivono con la demenza e ribadire l’importanza della cultura e della creatività nella vita di tutte le persone, anche e soprattutto in periodo di pandemia e distanziamento fisico.
All’appuntamento online si sono già registrati 400 partecipanti (link: https://bit.ly/IscrizioniConvegnoOnlineMuseiResilienti)   

Il convegno verrà trasmesso anche sulla pagina Facebook di Musei Toscani per l'Alzheimer
Nel corso dell'evento saranno raccontate altre importanti esperienze internazionali, con ospiti collegati dagli Stati Uniti, dal Giappone, dal Regno Unito e dai Paesi Bassi. 

Le isitutuzioni culturali aderenti alla Rete dei Musei per l’Alzheimer

Provincia di Firenze
Musei Civici Fiorentini; Fondazione Palazzo Strozzi; Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria; Mudev – Museo diffuso dell’empolese Valdelsa.

Provincia di Prato
Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci Prato; Museo di Scienze Planetarie di Prato; MuMAT Museo delle Macchine Tessili di Vernio. 

Provincia di Arezzo
Il Cassero per la scultura italiana dell’Ottocento e del Novecento di Montevarchi; Museo delle Terre Nuove di San Giovanni Valdarno.

Provincia di Grosseto 
Museo Archeologico e d’Arte della Maremma di Grosseto; Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia; Museo di San Pietro all’Orto – Collezione di Arte Medievale di Massa Marittima, MAGMA Follonica (Provincia di Grosseto).

Provincia di Lucca
Civico Museo Archeologico di Camaiore; Biblioteca Civica Agorà di Lucca (Provincia di Lucca).
Museo Diocesano di Massa; Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (Provincia di Massa Carrara?).

Provincia di Pisa
Università di Pisa – Centro di Ateneo, Museo di Storia Naturale; Università di Pisa, Sistema Museale di Ateneo (Provincia di Pisa).

Provincia di Siena
Fondazione Musei Senesi; Complesso Monumentale di Santa Maria della Scala di Siena (Provincia di Siena).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento