Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Restyling scuola Masaccio: soffitti a prova di bambino. Oltre 320mila euro per la messa in sicurezza

Entro la fine del mandato oltre la metà delle 43 scuole di proprietà del Comune di Arezzo sarà oggetto di manutenzione ordinaria e straordinaria. 

 

Un’estate intera per adeguare i soffitti e renderli a prova di bambino.

Con un investimento complessivo di 325mila euro l’amministrazione comunale di Arezzo ha dato il via ai lavori di manutenzione e messa in sicurezza all’interno dell’istituto comprensivo IV Novembre di via Masaccio.

Tutti e tre i piani della struttura, costruita nei primi anni del ‘900 e ampliata successivamente, saranno sottoposti ad interventi strutturali mirati che consentiranno di porre rimedio alle parti secondarie dei soffitti.

L’intervento è stato programmato a seguito delle procedure di verifica sugli edifici scolastici effettuate in esecuzione del decreto del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 7 agosto 2015.

“Innanzitutto una precisazione – ha sottolineato il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini – le prove di carico hanno dato esito positivo e quindi le strutture portanti non risultano interessate da problemi statici. Diciamo che abbiamo riscontrato in alcune aule dei distacchi, anche consistenti, di intonaco dei solai e detriti di laterizio sui controsoffitti per cui abbiamo deciso di bloccare questi fenomeni anche per evitare che in futuro coinvolgano le strutture portanti stesse”.

La riqualificazione prevede la demolizione dei controsoffitti in pannelli di cartongesso, la demolizione delle parti di laterizio e di intonaco compromesse nonché il risanamento dell’intradosso del solaio e la realizzazione di nuove controsoffittature.

“Dunque – prosegue Gamurrini – vacanze in corso per alunni e insegnanti ma non per l’amministrazione comunale che approfitta della chiusura delle scuole per effettuare nel periodo estivo importanti interventi di risanamento. Siamo sempre nell’ambito del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie che coinvolge molti istituti. Da Pescaiola alla Sante Tanti dalla Masaccio alla Modesta Rossi che a settembre, alla ripresa delle attività, si presenteranno in migliori condizioni di sicurezza e fruibilità”.

Entro la fine del mandato, secondo i calcoli del vicesindaco Gamurrini, oltre la metà delle 43 scuole di proprietà del Comune di Arezzo sarà oggetto (o in alcuni casi lo è già stata) di manutenzione ordinaria e straordinaria. 

“Alcuni edifici - ha sottolineato Gamurrini - sono di nuova costruzione e dunque non hanno necessità di alcuna opera strutturale. Altri però risalgono agli anni ’60 e ’70. Questo significa che le modifiche e gli interventi da eseguire sono davvero numerosi. E talvolta ben più onerosi di una ricostruzione ex novo. Ovviamente questo non è un problema solo aretino ma nazionale”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento