Emergenza Covid. Dalla Asl: "In discoteca sì ma usate la testa", le regole anti contagio

È l'azienda sanitaria sud est, all'indomani degli ultimi contagi registrati nell'Aretino, a ricordare le regole per un divertimento sicuro

"Discoteca sì, ma con rispetto delle regole anti-Covid". L'appello lanciato dalla Asl Toscana sud est è proprio questo. All'indomani dei nuovi focolai sviluppatesi nelle settimane appena trascorse e, soprattutto, in considerazione del forte abbassamento dell'età media dei Covid positivi, ecco che l'azienda sanitaria lancia un accorato appello alla fascia più giovane della popolazione. 

“Noi professionisti della Asl abbiamo ribadito molte volte quanto sia fondamentale il rispetto delle misure anti contagio, ma ripeterlo non fa mai male, soprattutto in riferimento ai giovani che in vacanza tendono a trasgredire maggiormente le regole. Mi rivolgo in particolare a loro, chiedendo di 'metterci la testa' e di pensare alle possibili conseguenze di infrangere le regole. Anche se siamo usciti dalla fase acuta dell'emergenza, la situazione non va presa alla leggera, anzi va tenuta alta la guardia  – afferma il Maurizio Spagnesi, direttore dipartimento prevenzione della Sud Est - Bisogna fare appello al senso di responsabilità di ognuno, perchè solo con un'unità di intenti e collaborazione potremmo preservare la nostra salute e le nostre strutture ospedaliere dal ritorno di una nuova ondata pandemica. Allo scopo di promuovere il rispetto delle regole di prevenzione, è importante anche predisporre una adeguata informazione sulle misure anti-Covid nei luoghi di maggiore aggregazione come le discoteche e sulle procedure da seguire al verificarsi di determinate situazioni, come il contatto con un caso positivo o il rientro dall'estero, comprensibile anche ai cittadini di altra nazionalità”.

Gli ultimi casi registrati in provincia hanno riguardato per lo più cittadini rientrati in Italia dopo vacanze all'estero. Tra questi c'è la comitiva di diplomati che dopo il rimpatrio da Corfù è risultata positiva al virus. "Là nessuno indossava la mascherina - hanno raccontato i diretti interessati - anche noi abbiamo ceduto a questo comportamento perché ci guardavano tutti come se fossimo matti". 

In linea con gli indirizzi contenuti del decreto del presidente del consiglio dei ministri del 7 agosto scorso, la Asl risveglia l'attenzione sui corretti comportamenti da tenere all'interno delle discoteche e anche sull'organizzazione degli spazi e del personale, affinchè il divertimento sia garantito, unitamente alla protezione dalla diffusione del Covid. Le indicazioni si applicano alle discoteche e ad altri locali simili, destinati all’intrattenimento. Tra le norme da osservare, restano validi per tutti e sull'intero territorio nazionale l'obbligo per i clienti e per il personale di indossare la mascherina sempre nei luoghi chiusi e nei luoghi aperti quando non sia possibile garantire la distanza di almeno un metro tra le persone, lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o igienizzarle con appositi gel disinfettanti e il divieto di assembramento. All'ingresso del locale, le persone potranno sottoporsi alla misurazione della temperatura da parte del personale e accedere in maniera ordinata e distanziata. Una volta dentro, dovrà essere mantenuta la distanza di un metro nelle aree comuni e almeno di 2 metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo. Nell'interesse della comunità e della propria salute, è quindi auspicabile che i ragazzi che vogliano trascorrere serate in discoteca si adeguino a queste poche e semplici regole che non inficiano in alcun modo lo svago e il divertimento. L'impegno richiesto però non è solo dei frequentatori, ma anche dei gestori o proprietari dei locali. Questi ultimi infatti hanno il dovere di predisporre un'organizzazione conforme a quanto previsto dalla normativa in modo da indurre in maniera agevole il rispetto delle misure da parte dell'utenza. Innanzitutto gli spazi interni devono essere ripensati in modo da evitare, per quanto permesso, assembramenti, con percorsi il più possibili separati, prevedendo per esempio un'entrata e un'uscita distinte. Personale dedicato si occuperà della sorveglianza del rispetto del distanziamento interpersonale adeguato rispetto alla capienza del locale e del corretto uso della mascherina. Oltre a garantire la regolare e frequente pulizia e disinfezione delle superfici, con particolare riguardo per le quelle maggiormente toccate dagli utenti e i servizi igienici, nel locale dovranno essere disponibili prodotti per l’igiene delle mani, in più punti (pista da ballo, ristorante, servizi igienici, ecc.). Anche la tecnologia può venire in aiuto per ridurre le file di persone tramite la prenotazione e il pagamento online del biglietto d'entrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento