Referendum sulla Sanità, anche gli infermieri del Nursind di Arezzo in prima linea

“Nessun risparmio reale, ma una strada spianata ai privati in sanità”. Con queste parole Claudio Cullurà, alla guida della Segreteria territoriale di Arezzo del Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, boccia la riforma sanitaria toscana e...

OSPEDALE-RIANIMAZIONE

“Nessun risparmio reale, ma una strada spianata ai privati in sanità”. Con queste parole Claudio Cullurà, alla guida della Segreteria territoriale di Arezzo del Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, boccia la riforma sanitaria toscana e annuncia l’adesione al Comitato per il referendum abrogativo della legge regionale 28/2015.

“E’ un contenitore vuoto – aggiunge Cullurà – che parla di risparmi ma non spiega da dove arrivino”. La legge di riordino delle Asl, che dovrebbero diventare 3 in tutta la Toscana rispetto alle attuali 12, “è piena di ‘vedremo’, ‘faremo’, ‘sarà’ – sottolinea il segretario provinciale del Nursind Arezzo – ipotetiche prive di significato. Le presunte economie non sono quantificate in legge, eccezion fatta per il taglio di qualche poltrona dirigenziale: ma non si tratta di tagli reali, in quanto la stessa legge moltiplica i livelli intermedi, rimangiandosi tutto il risparmio”.

“Da settimane si legge sui giornali di incontri della Giunta regionale con le parti sociali per procedere a una revisione partecipata della riforma sanitaria. Ma ancora non c’è stato nessun confronto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non si può dire la stessa cosa sul fronte dei soggetti privati operanti in sanità: non è un caso se stiamo assistendo al fiorire di strutture sanitarie gestite da privati in tutto il territorio provinciale”.

“Anche se il coinvolgimento dei cittadini ci fa ben sperare – aggiunge il segretario provinciale del Nursind Arezzo – ci sono ancora pochi giorni per completare la raccolta di firme: entro la fine del mese dobbiamo raggiungere quota 40mila sottoscrizioni”. “Il Nursind non è politicamente schierato. Ma siamo sicuramente schierati contro una riforma che appalta la salute dei cittadini ai privati – conclude Claudio Cullurà – e daremo battaglia con tutti gli strumenti a nostra disposizione per l’abrogazione di questa legge”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento