Rassina: l'Arno torna a far paura. Sestini: "Occorrono interventi di pulizia"

E' l'Arno a fare di nuovo paura nel comune di Castel Focognano. L'allarme arriva direttamente dal sindaco Massimiliano Sestini, che focalizza l'attenzione sulla situazione dell'abitato di Rassina, teatro in passato di eventi alluvionali e...

arno_rassina

E' l'Arno a fare di nuovo paura nel comune di Castel Focognano. L'allarme arriva direttamente dal sindaco Massimiliano Sestini, che focalizza l'attenzione sulla situazione dell'abitato di Rassina, teatro in passato di eventi alluvionali e situazioni di rischio per la popolazione.

"Voglio sottolineare la evidente e preoccupante situazione dell’Arno a Rassina – spiega Sestini - per l’esattezza nel tratto che va dall’ inizio del paese di fronte allo stabilimento Colacem fino ai confini con il comune di Subbiano. Qui il letto del fiume non è più distinguibile dagli argini che lo contengono. La presenza di vegetazione nell’alveo è preoccupante, visto che non si tratta più di arbusti ma di veri e propri alberi che raggiungono altezze considerevoli, e in alcuni punti ormai non si distingue più la differenza tra il letto del fiume e gli argini”.

Oltre a questo, Sestini rileva che “il percorso del fiume è caratterizzato dalla presenza di accumuli di detriti, che hanno innalzato il letto al punto che i lavori di messa in sicurezza realizzati a metà anni ’90 rischiano di essere stati vani”.

Quei lavori fecero seguito alle piogge dell’ottobre 1992, che recarono danni ingenti sia lungo l’Arno che in diversi affluenti in gran parte del Casentino. “Lo stato di abbandono è chiaramente visibile anche lungo gli argini, dove i rovi imperano assieme ai rifiuti e iniziano a far pensare ad una giungla. Il fiume Arno non è mai stato di competenza della Comunità Montana/Unione dei comuni. L'Arno compete alla Provincia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le preoccupazioni rilevate dal Sindaco sono già state oggetto di risposta da parte della Provincia nel 2011, che in sostanza definiva la presenza di vegetazione come un fattore di buona qualità ambientale e pure di possibile rallentamento di eventuali piene. “In pratica – conclude Sestini - è come se ci avessero detto che gli interventi di ripulitura sono inefficaci o addirittura controproducenti. Ma visto che si fanno da ogni parte sarebbe bello sapere cos’ha Rassina di particolare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento