Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Raccolta di apparecchiature elettroniche, Toscana virtuosa: ma ad Arezzo calo di oltre il 7 per cento

La Toscana è la prima regione del centro Italia per raccolta assoluta e pro capite di Raee. Nel 2017 le performance sono state positive,  +4,18 per cento rispetto al 2016. Ma Arezzo resta un  fanalino di coda, con un crollo dei conferimenti di...

tv abbandonata

La Toscana è la prima regione del centro Italia per raccolta assoluta e pro capite di Raee. Nel 2017 le performance sono state positive, +4,18 per cento rispetto al 2016. Ma Arezzo resta un fanalino di coda, con un crollo dei conferimenti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

E' quanto emerge dai dati presentati dal Centro di Coordinamento Raee nella decima edizione del "Rapporto Annuale sul Sistema di Ritiro e Trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia".

Nel corso dell'anno nella virtuosa Toscana sono stati raccolti 24.956.351 kg di Raee, in aumento del 4,18% rispetto al 2016.con una media pro capite di 6,67 chilogrammi per abitante:il più alto risultato dell'area centrale e tra i migliori a livello nazionale.

I risultati delle singole province mostrano come Firenze si distingua per la raccolta assoluta con un totale di 7.523.844 chili di Raee, seguita da Pisa e Lucca al traguardo dei 3 milioni di chilogrammi. Positiva anche la raccolta di Livorno, ben oltre i 2 milioni di kg di Raee. Nel complesso il quadro provinciale presenta un andamento disomogeneo: incrementa del 18,90% la raccolta Livorno, mentre diminuisce la raccolta di Massa Carrara (-3,93%) e Grosseto (-0,64%). Arezzo è il fanalino di coda, con un calo importante: -7,36%.

A livello di media pro capite registrano ottimi risultati Lucca, Firenze, Grosseto, Pisa e Livorno, con oltre 7,20 kg per abitante. I risultati di Massa Carrara e di Pistoia penalizzano il risultato regionale e devono essere spunto per un approfondimento.

La provincia con il maggior numero di Centri di Raccolta ogni 100.000 abitanti è Siena con 14 centri, a cui seguono Arezzo con 10 centri e Pisa e Grosseto con 8.

Risulta positivo anche il quadro dei Centri per il conferimento gratuito dei RAEE da parte dei cittadini: sul territorio toscano è presente una rete di 200 CdR, di cui 161 aperti alla Distribuzione, a cui si aggiungono 43 Altri Centri gestiti da distributori, installatori e sistemi collettivi. La media è di 5 Centri ogni 100.000 abitanti, un dato che per portare la regione nell'eccellenza italiana e avvicinare il territorio agli obiettivi europei dovrà essere migliorato.

Nella classifica dei Raggruppamenti in base ai quali vengono classificate le diverse tipologie di RAEE, i Grandi Bianchi (R2) raccolgono il 40,6% del totale, seguiti da R1 (Freddo e Clima) con il 24% e R3 (Tv e Monitor) con il 19%, mentre guadagna un altro punto percentuale R4 (Piccoli Elettrodomestici), portando la quota raccolta al 16%. Va evidenziata l'ottima percentuale di superamento della media nazionale della raccolta pro capite di R2 (+70%) testimonianza di una gestione attenta anche degli enti di controllo territoriali.

Commenta Fabrizio Longoni, Direttore Generale del Centro di Coordinamento RAEE: "I risultati della raccolta di RAEE 2017 a livello nazionale sono soddisfacenti e registrano un incremento del 5% rispetto all'anno precedente, grazie all'impegno dei Sistemi Collettivi e di tutti i gestori della raccolta, siano essi Comuni, aziende della gestione rifiuti oppure distributori e installatori di apparecchiature elettriche e elettroniche. La Toscana ha contribuito a questo risultato con i dati più che lusinghieri conseguiti nel 2017, grazie a un modello di gestione virtuosa dei RAEE capace di coniugare sviluppo economico e tutela ambientale. Particolarmente virtuosa risulta la raccolta pro capite regionale che si avvia ai 7 kg per abitanti, tra i migliori esiti a livello nazionale. Gli amministratori locali delle province di Massa Carrara e di Pistoia devono valutare quali azioni intraprendere per migliorare i risultati sul territorio. Nei prossimi anni enti pubblici e imprese dovranno continuare l'impegno intrapreso nella raccolta differenziata per contribuire fattivamente al raggiungimento degli obiettivi europei".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta di apparecchiature elettroniche, Toscana virtuosa: ma ad Arezzo calo di oltre il 7 per cento

ArezzoNotizie è in caricamento