Puliamo il mondo, famiglie e richiedenti asilo al lavoro in piazza Zucchi: via erbacce e ingombranti

Un motorino, un materasso e altri ingombranti in via Bottego, addirittura un contenitore in plastica per le urine, ancora pieno nella zona di via Arno. Sono questi alcuni dei tanti rifiuti che la carovana di Puliamo il Mondo ha trovato e raccolto...

puliamo-ilmondo7

Un motorino, un materasso e altri ingombranti in via Bottego, addirittura un contenitore in plastica per le urine, ancora pieno nella zona di via Arno. Sono questi alcuni dei tanti rifiuti che la carovana di Puliamo il Mondo ha trovato e raccolto questa mattina in una parte del quartiere di Saione. L'evento organizzato da Legambiente ha visto la partecipazione dell'associazione Bangladesh guidata da Tito e Oxfam, entrambi hanno coinvolto nella giornata di pulizie qualche decina di richiedenti asilo, al loro fianco anche i residenti della zona che hanno costituito il nuovo comitato per Saione.

Lungo piazza Zucchi è stato fatto un lavoro di ripulitura dei marciapiedi dalle erbacce che erano cresciute numerose e poi sono state imbiancate quasi tutte le panchine presenti. La mattina è terminata con una colazione per tutti.

All'iniziativa hanno collaborato il Comune di Arezzo e Sei Toscana che con i suoi addetti ha provveduto a ritirare i rifiuti ingombranti e poi i sacchi neri riempiti dalle cose raccolte. Per il motorino invece è stata interessata la polizia municipale.

L'evento è arrivato a poche ore di distanza dall'ultimo fatto avvenuto in via Piave, dopo una ragazza nigeriana di 25 anni è stata malmenata e lasciata a terra da un connazionale. Il messaggio di oggi per gli organizzatori è invece volto alla riqualificazione dei luoghi, alla creazione di occasioni di incontro e conoscenza, per il bene del quartiere di Saione:

"Abbiamo fatto attività concrete di riqualificazione della piazza e delle zone limitrofe fino al sottopassaggio di via Arno - ha dichiarato Chiara Signorini presidente del circolo di Arezzo di Legambiente - Al di là di questo, la cosa più importante è di essere qui insieme a persone che sono arrivate da poco nel nostro paese, insieme alle famiglie, al Comune di Arezzo e a Sei Toscana per costruire una collaborazione vera su obbiettivi concreti per il nostro territorio."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con noi anche richiedenti asilo perché si sentano di aver pulito un pezzo della loro città, per fare integrazione - ha spiegato il presidente dell'associazione Bangladesh Tito Anisuzzaman - Sì del quartiere se ne parla nelle cronache, è sempre stato un luogo pacifico e multietnico, adesso è un po' in difficoltà, è un impegno nostro e lo deve essere di tutti che torni come prima, noi stiamo dando il nostro contributo."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento