Neve record in Garfagnana: mezzi e tecnici della Provincia di Arezzo in trasferta

Le operazioni per la Provincia di Arezzo sono state concordate dal servizio viabilità e dal Servizio Protezione Civile

Anche la Provincia di Arezzo, con il suo personale, si è mobilitata per dare supporto alla popolazione della Garfagnana dove, nelle ultime giornate, si è riversata un'ondata straordinaria di maltempo e neve. “Le abbondanti nevicate degli scorsi giorni nell’Appennino ed in Garfagnana - spiega la presidente Silvia Chiassai Martini - hanno creato notevoli disagi, per questo da subito anche la Provincia di Arezzo si è mobilitata nel prestare soccorso per la spalatura delle strade. Ringrazio tutto il servizio viabilità e Protezione Civile ed il volontariato di Protezione Civile per essersi messi al servizio di un’altra comunità”.

L’allerta meteo scattata lo scorso 3 gennaio stava mettendo in serio pericolo i cittadini delle provincie di Pistoia, Lucca e Massa Carrara. Le precipitazioni nevose hanno raggiunto dei cumulati che da decenni non si erano visti nelle zone montane della Toscane del nord provocando chiusura di strade isolamento di nuclei abitati, blocco dei trasporti e soprattutto rotture nelle reti di distribuzione dell’energia elettrica con numerose migliaia di utenze staccate. Alla richiesta di aiuto della Regione Toscana - Protezione Civile Regionale, ha prontamente risposto la Provincia di Arezzo inviando subito mezzi d’opera e operatori per intervenire a liberare la viabilità dalla grande nevicata che ha colpito l’Alta Toscana. Le operazioni per la Provincia di Arezzo sono state concordate dal servizio viabilità e dal Servizio Protezione Civile ed in collaborazione con il Volontariato di Protezione Civile, dando massima collaborazione al territorio della Garfagnana. Per dare aiuto alla Provincia di Lucca, sono stati inviati dalla Provincia di Arezzo un mezzo spalaneve dotato di una turbina  capace di movimentare grosse quantità di neve dalla strada e al contempo dotato di un nuovissimo sistema di spargimento dei disgelanti. Per la conduzione dei mezzi sono partiti due operatori specializzati, uno del reparto Valtiberina ed uno del reparto Casentino. I due dipendenti della Provincia sono stati inoltre accompagnati nella missione da un autocarro per il carico, scarico e trasporto della fresa, sia nel viaggio di andata che in quello di ritorno, messo in campo dal Gruppo Comunale Sansepolcro Altotevere, chiaramente erano presenti anche due operatori- autisti volontari. Tenuto conto del codice giallo emesso in data odierna, la Provincia di Arezzo non ha potuto inviare ulteriori mezzi, per garantire la percorribilità delle strade del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento