Un aiuto ai bambini che hanno sofferto ancora di più il lockdown

I ragazzi potranno usufruire di 8 incontri nel periodo dal 1 agosto al 13 settembre 2020 per vivere momenti di aggregazione e condivisione sociale

Il progetto nasce dall’idea condivisa che le attività ludico - sportive siano una importante occasione di crescita fisica, psicologica e relazionale, per aiutare in particolar modo i bambini disabili e le loro famiglie. L’emergenza Covid19, le misure di isolamento, di restrizione sociale, hanno profondamente inciso sul benessere psicologico di tutti, ma soprattutto dei più giovani. Il progetto nasce  grazie al sostegno di Estra s.p.a, con il patrocinio del Comune di Arezzo, insieme all’importante collaborazione e monitoraggio di Faustina Bertollo, Garante delle disabilità del Comune di Arezzo. 

“L’amministrazione comunale di Arezzo – rileva l’assessore alle politiche sociali Lucia Tanti – si affianca a ERA in questo progetto d’integrazione e inclusività che prevede l’incontro tra ragazzi disabili e normodotati. Un’esperienza dunque che rappresenta un segnale importante in questa fase di ripartenza, soprattutto a favore delle famiglie con figli disabili che hanno dovuto sopportare un carico importante, anche faticoso, nel corso dei mesi di isolamento forzato. Adesso, a queste persone, offriamo una bella occasione: ai genitori di vedere finalmente socializzare i loro figli, a questi ultimi di riprendere confidenza con lo svago, lo sport e la natura”.

La sinergia di associazioni ed enti sportivi come il Coni e la Fise di Arezzo hanno reso possibile la realizzazione del progetto con una varietà di attività organizzate in modo da venire incontro alle esigenze delle famiglie.

Capofila del progetto è l’Associazione ERAra (Presidente Elisa Marcheselli, vicepresidente Alessio Pieri, tesoriera Roberta Rachini) da sempre attiva sui temi dell’inclusione e dell’integrazione sociale, che insieme all’esperienza dell’Associazione Crescere (Presidente Dott.ssa Faustina Bertollo) e All Stars Arezzo (Presidente Claudia Del Tongo) e All Stars Social Arezzo (Presidente Paolo Lucattini) hanno potuto costruire tale progettualità partendo dall’esperienza e impegno che da sempre hanno con i loro operatori pronti ad aiutare le famiglie con figli con disabilità fisiche e intellettive, per migliorare la loro salute e la loro vita, volendo creare una occasione di socializzazione, integrazione e benessere psicofisico.

La sinergia con la Casa del Pietro e la Scuderia di Pan ha reso possibile costruire le attività per il bambino/ragazzo diversamente abile, volte a sperimentare l’ambiente ludico-ricreativo in un clima sicuro, vivendo nuove relazioni positive con opportunità di formazione e crescita. Le attività proposte riguardano esperienze a contatto con la natura e gli animali quali: equitazione, orto didattico, la fattoria didattica. I ragazzi potranno usufruire di 8 incontri nel periodo dal 1 agosto al 13 settembre 2020 per vivere momenti di aggregazione e condivisione sociale.

Per iscrizioni e informazioni e-mail: faustina.bertollo@gmail.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento