Primo giorno di scuola: 46mila studenti in classe. Cattedre assegnate al 90%, Curtolo: "Buon lavoro a tutti"

La prima campanella dell'anno è suonata per i 46mila studenti della provincia di Arezzo che da qualche minuto sono entrati dentro alle classi per l'avvio del nuovo anni scolastico. Per alcuni un ritorno allo studio, per altri l'ultima fatica di...

 

La prima campanella dell'anno è suonata per i 46mila studenti della provincia di Arezzo che da qualche minuto sono entrati dentro alle classi per l'avvio del nuovo anni scolastico.

Per alcuni un ritorno allo studio, per altri l'ultima fatica di un percorso di formazione e per altri ancora un primo passo verso l'emancipazione. Primo giorno di scuola anche per i circa 4.000 insegnanti che tornano al lavoro dopo un'estate trascorsa tra concorsi e trasferimenti. "Abbiamo ritenuto - spiega il dirigente scolastico provinciale Roberto Curtolo - che il modo migliore per inaugurare l'anno scolastico fosse provvedere al corretto inserimento in ogni realtà del nostro territorio di personale docente. Ad oggi possiamo dire che abbiamo raggiunto questo obiettivo al 90%. Dei quattromila insegnanti in forza ai vari istituti dell'Aretino, ad oggi ne mancano all'appello 240 circa. Si tratta della quota che deve essere ingaggiata dalle scuole a seconda delle necessità specifiche. Sono però certo che entro la fine del mese di settembre tutti i posti saranno assegnati perché le nostre scuole stanno lavorando alacremente per trovare il personale". Nello specifico, per quanto riguarda la scuola all'infanzia sono stati assegnati tutti i posti vacanti, per le scuole elementari invece ne restano scoperti circa 20, 40 per le medie e 140 per le superiori. "Questi ultimi - spiega ancora il dirigente Curtolo - sono evidentemente la parte più consistenze. Si tratta di docenti per lo più di materie scientifiche. Matematica, chimica, fisica, informatica. Insegnamenti che purtroppo contano un numero sempre più sottile di laureati e conseguentemente di personale idoneo a diventare docente". Insomma, l'anno scolastico 2017/18 inizia sotto auspici positivi quanto meno dal punto di vista del personale e dei professori. "Abbiamo fatto del nostro meglio per garantire il personale necessario - prosegue il dirigente provinciale - il resto devono farlo gli studenti, i familiari, i professori, gli insegnanti e tutto il personale scolastico. Spetta a loro creare il giusto clima. Credo che la provincia di Arezzo debba stringersi ancora di più attorno alle proprie eccellenze educative. Nel territorio ce ne sono tante e di grande qualità. Nelle piccole comunità questo sta già accadendo e il mio augurio è che continui a crescere perché la scuola ha bisogno dell'appoggio di tutta la popolazione in quanto è la nostra più grande risorsa". Il messaggio del ministro Valeria Fedeli

Sul fronte educativo, al Liceo Colonna è obiettivo centrale educare i ragazzi a un maggior senso di responsabilità e di consapevolezza delle proprie azioni: durante tutta questa prima settimana i tutor non solo provvederanno ad accelerare il processo di conoscenza reciproca (tra gli studenti, e tra studenti e docenti), favorendo la collaborazione e la valorizzazione nel nuovo gruppo-classe dei nuovi iscritti, ma parleranno apertamente con loro di Cyberbullismo e li inviteranno a segnalarne eventuali episodi. Il progetto Accoglienza al Liceo Colonna, non solo garantisce occasioni per l'orientamento e la conoscenza di spazi, persone, risorse della scuola, favorendo il potenziamento di un atteggiamento positivo e propositivo nei confronti delle regole della scuola, ma propone delle attività ludiche specificamente rivolte alla prevenzione di comportamenti lesivi del benessere altrui, di bullismo e Cyberbullismo, portando i nuovi gruppi-classe ad accettare le regole come uno strumento condiviso indispensabile per stare bene a scuola. Inoltre, durante l’anno, saranno formati dal SERT 5 studenti tutor referenti d’Istituto sul Cyberbullismo. Qui Subbiano - A Subbiano il suono della campanella dopo la pausa estiva, vede al centro dell’attenzione i bambini delle scuole elementari, sistemati in altri luoghi dopo la chiusura del plesso predisposta dall’amministrazione a fine giugno a seguito di controlli che ne avevano evidenziano carenze strutturali. Dopo l’incontro conclusivo con le famiglie avvenuto una decina di giorni fa, alla presenza del Sindaco Antonio De Bari, del dirigente scolastico Paola Vignaroli, dei rappresentanti dei genitori e dei tecnici comunali, ieri i genitori ed i bambini hanno potuto visitare insieme le nuove bellissime aule organizzate in parte presso la scuola dell’infanzia Arcobaleno e in parte all’ex centro commerciale Janus.

In particolare 6 classi sono state collocate tra gli spazi recentemente realizzati con l’ampliamento della scuola Arcobaleno e la ex biblioteca recentemente ristrutturata; mentre 5 classi, sono state organizzate al Janus, nei locali presi in affitto dall’amministrazione e adeguatamente ristrutturati e sistemati per ospitare gli studenti nel loro percorso di apprendimento. Ogni aula è stata perfettamente adattata in maniera mirabile ed in tempi veloci, alle esigenze dei piccoli alunni, dotate di tutti i confort necessari al percorso di apprendimento, comprese le LIM, una per ogni aula.

Un punto per noi essenziale è sempre stata la sicurezza degli alunni e su questo non abbiamo mai voluto abbassare la guardia - spiega il sindaco Antonio De Bari - La decisione di chiudere alla fine di Giugno le scuole elementari è una diretta conseguenza di questa nostra impostazione di base. Oggi, il primo giorno di scuola, posso dirmi estremamente soddisfatto di tutto il percorso. Certamente ci potranno essere dei disagi, ma l’amministrazione offre il proprio appoggio per risolvere qualsiasi problematica possa emergere nel contesto dell’organizzazione generale”.

Altro punto importante per l’amministrazione sono appunto i servizi e la continuità di apprendimento oltre che l sua qualità. Per questo fine anche quest’anno la giunta h appena approvato un fondo di 6 mila euro per l’apprendimento della lingua inglese con madrelingua del quale beneficeranno ben10 classi per un totale di circa 220 bambini. Rammentiamo inoltre l’impegno dell’amministrazione sul fronte della scuola digitale con l’acquisto, fatto lo scorso anno, delle LIM per un investimento di circa 12 mila euro che ha consentito ad ogni classe di avere e quindi utilizzare la Lim attraverso una didattica nuova e più coinvolgente.

Qui Terranuova Bracciolini - Sono 1.213 gli studenti a cui il sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni augura un buon inizio anno scolastico. In particolare questa mattina il primo cittadino ha incontrato i 491 alunni della scuola primaria e i 317 della scuola secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII.

“La scuola, gli insegnanti ed i compagni – si legge nel messaggio di auguri del sindaco – diventeranno parte della vostra vita e diverrete custodi di ricordi ed esperienze che vi accompagneranno negli anni a venire. L’auspicio è che possiate vivere questo nuovo viaggio con passione ed impegno, assaporando la conoscenza e stimolando la vostra curiosità”.

Lunedì 18 il sindaco andrà a far visita ai 240 alunni della scuola dell’infanzia “Italo Calvino” e agli 85 del nido, mentre e martedì 19 mattina sarà la volta degli 80 alunni della scuola parrocchiale Santa Maria. Per tutti loro il messaggio di buon inizio anno scolastico è una gioiosa filastrocca accompagnata da un sentito ringraziamento ai genitori che, insieme al personale scolastico, saprà custodire con affetto e tenerezza il cammino dei piccoli alunni. Il nuovo anno scolastico porta con se importanti novità.

“Da ottobre – ha detto il sindaco Chienni – le singole aule della scuola secondaria di primo grado saranno assegnate a uno o più insegnanti della stessa disciplina in modo da creare ambienti stimolanti e personalizzati in linea con le materie insegnate. Gli studenti non avranno più una sola aula di riferimento e saranno loro a raggiungere l’insegnante. Il progetto, denominato D.A.D.A. (didattiche per ambienti di apprendimento), rende la nostra scuola precorritrice degli indirizzi europei e nazionali. Ringrazio sentitamente il dirigente scolastico e tutto il personale che ha lavorato in questi mesi per avviare il progetto. Come amministrazione – ha aggiunto Sergio Chienni – li abbiamo supportati e li supporteremo con adeguati investimenti”. Interventi migliorativi riguarderanno anche la struttura scolastica “Italo Calvino. Entro la fine del mese saranno installati ulteriori giochi inclusivi oltre quelli collocati lo scorso anno. In particolare i bambini avranno a disposizione uno scivolo, un’arrampicata e sarà incrementata l’area con gomma antitrauma. Abbiamo a cuore il benessere di tutti gli alunni e questi giochi, oltre ad abbattere le barriere, permettono una condivisione ludica importante e formativa. Infine, oltre agli interventi di manutenzione che hanno riguardato l’intero istituto comprensivo Giovanni XXIII e si sta predisponendo l’impianto elettrico per l’installazione del registro elettronico".

Qui Anghiari - L’Amministrazione Comunale di Anghiari ha organizzato un incontro sulla legalità in occasione dell’inizio dell’anno scolastico 2017-2018. L'appuntamento è fissato per le 11 nella sala del consiglio comunale di Palazzo Pretorio. Parteciperanno una rappresentanza delle istituzioni e degli alunni della scuola media e del liceo artistico di Anghiari.

“Il tema della legalità è fondamentale per tutta la nostra società – ha spiegato l’assessore alla scuola ed alle politiche sociali Angela Cimbolini – ed è importante promuoverlo soprattutto all’interno del mondo dei giovani e della scuola. Per questo abbiamo pensato di organizzare l’incontro di domani e di coinvolgere le nuove generazioni”.

In questa occasione il sindaco Alessandro Polcri e l’assessore Angela Cimbolini porteranno il saluto dell’amministrazione comunale agli studenti che si apprestano ad iniziare il nuovo anno scolastico.

Qui Cavriglia - Hanno fatto il loro rientro in classe circa 800 studenti dell'istituto comprensivo “Dante Alighieri” del Comune di Cavriglia. Come tradizione i rappresentanti della giunta si sono recati nei vari plessi scolastici per fare il loro in bocca al lupo a tutti gli studenti. L'amministrazione, dopo l' “Anno del libro”, l' “Anno della Matita” e l'“Anno del Bambino”, quest'anno ha deciso di dedicare l'anno scolastico 2017/2018 allo sport inteso come attività educativa e veicolo di crescita e socializzazione. Per promuovere questi valori durante l'”Anno dello Sport” gli studenti cavrigliesi saranno coinvolti in iniziative di vario genere. Innanzitutto verranno promossi una serie di incontri con alcuni personaggi sportivi e la presentazione di pubblicazioni.

Il primo appuntamento, proprio nei prossimi giorni, mercoledì 20 settembre quando gli alunni cavrigliesi incontreranno Lara Mori, la “madrina” scelta dell'amministrazione per aprire l'”Anno dello Sport”. Valdarnese, nata a Montevarchi nel 1998, Lara Mori è campionessa italiana di ginnastica artistica nella specialità del corpo libero. Tricolore che arriva dopo una lunga serie di allori a livello nazionale e internazionale. In programma pertanto anche alcuni incontri tra sport e letteratura in cui saranno personalità del mondo dello sport a presentare i loro libri. L'Anno dello Sport inoltre, sarà anche un'occasione per valorizzare il patrimonio di strutture sportive presente nel territorio comunale cavrigliese. La recente inaugurazione del campo pratica per attività di golf con tre buche in località Valle al Pero è solo l'ultimo impianto consegnato alla comunità nel corso degli anni. Basti pensare ai circuiti polivalenti di Bellosguardo e al minigolf di San Cipriano.

La nostra proposta - si legge nel messaggio dell'amministrazione cavrigliese - non vuole sostituirsi alla programmazione dell'offerta formativa della scuola, ma continuare a supportare i tanti progetti già presenti nell'attività didattica, creando però sinergie nuove tra le varie realtà e opportunità diverse per i “nostri” ragazzi. Perché Lara Mori come testimonial? Perché donna, perché del territorio e perché eccelle in una disciplina spesso lontana dai riflettori. Il nostro impegno sarà quello di cercare di promuovere e far conoscere le più svariate discipline sportive, sempre all'insegna dei valori fondamentali dello sport”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento