Sabato, 31 Luglio 2021
Attualità

"Prepararsi al futuro che invecchia", un incontro sulle prospettive ad Arezzo

65 candeline. Oggi le spengono, nel comune di Arezzo, circa 25mila persone. Nel 2030 saranno oltre 31mila. Paolo Peruzzi, Direttore della cooperativa sociale Koinè, evidenzia un elemento: “in 15 anni e cioè nel periodo 2015 – 2030 il tasso...

periferie_pescaiola_3mag18_r (6)

65 candeline. Oggi le spengono, nel comune di Arezzo, circa 25mila persone. Nel 2030 saranno oltre 31mila. Paolo Peruzzi, Direttore della cooperativa sociale Koinè, evidenzia un elemento: "in 15 anni e cioè nel periodo 2015 - 2030 il tasso d'incremento degli abitanti sarà dell'1,56% con un aumento medio annuo dello 0,31%. Quello degli anziani sarà invece dell'8,86% con un aumento medio annuo dell'1,66%".

Il futuro invecchia e sembra non farlo nel migliore dei modi: "gli ultra 65enni non autosufficienti sono oggi 2.650, pari all'8,17%. Diventeranno 3.600 nel 2030. Bisogna poi considerare gli anziani fragili: gli ultra 75enni sono 3.300 e quindi il 20%. Si stima che diventeranno 4.700 tra 12 anni".

La sintesi di Koinè: "siamo di fronte al progressivo invecchiamento della popolazione, ad un numero più grande di famiglie che però sono sempre più piccole, alla solitudine, all'aumento di non autosufficienze e fragilità".

Il che fare di fronte a questa situazione è stato l'argomento del confronto che Koinè ha promosso, con Comune di Arezzo e Usl Toscana sud, nella sede del centro aggregazione sociale di Pescaiola. "Una sede non casuale - precisa la Presidente di Koinè, Grazia Faltoni. Questa struttura è un punto di riferimento per il quartiere. Lo è stato e continua ad esserlo per noi con la Rsa che abbiamo aperto proprio dall'altra parte della strada. Il nostro obiettivo è quello di creare non solo una rete di strutture e servizi insieme alle istituzioni ma anche quello di sviluppare un senso di solidarietà e vicinanza nella comunità locale e tra le associazioni e gli operatori economici dei quartieri".

Al Centro di aggregazione sociale di Pescaiola, il vice Sindaco Gianfrancesco Gamurrini ha presentato i progetti per i nuovi cantieri che il Comune di Arezzo ha messo in programma fino al 2020 grazie al Programma della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.

"Molti interventi di natura "sociale" che cambieranno il volto alla Città e che abbiamo potuto fare grazie alla collaborazione di molti - commenta l'assessore alle politiche sociali del Comune di Arezzo, Lucia Tanti. Un esempio bello di come si costruiscono alleanze tra pubblico e privato e di come, oggi come non mai, il sociale è un "pensiero" trasversale che si misura con molti metri e che lascia un segno indelebile ben oltre il perimetro che gli viene assegnato".

Il valore della collaborazione è stato sottolineato anche dalla Usl con gli interventi del Direttore generale Enrico Desideri; di Antonella Valeri, Direttore della Zona distretto di Arezzo e di Donatella Frullano, Coordinatore Sociale Zona Distretto Arezzo.

La cooperativa sociale Koinè ha illustrato quanto fatto fino ad ora nei quartieri di saione e Pescaiola che sono il cuore del Progetto Periferie: il recupero della ex Manifattura Tabacchi e la sua trasformazione nella Rsa Pescaiola; la Casa di Michele in via Concini, una Rsa sperimentale con 12 posti letto; la trasformazione della sua precedente sede di via Arno in un centro diurno di socializzazione; l'adeguamento e l'allestimento di una struttura in via Ticino che è stata messa a disposizione dell'Associazione Autismo Arezzo.

"Il nostro obiettivo è lavorare per una città moderna, coesa e solidale - conclude il Direttore Paolo Peruzzi. Ognuno è chiamato a fare al meglio la sua parte. Noi ci stiamo impegnando, in modo particolare, per gli anziani non autosufficienti o fragili, per supportare le famiglie e le persone sole, per rafforzare gli interventi domiciliari. Senza dimenticare che gli investimenti fatti e i servizi creati sono in grado di produrre occupazione vera e stabile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Prepararsi al futuro che invecchia", un incontro sulle prospettive ad Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento